Economia

Emergenza casa, l'allarme di Unione inquilini: "A Bari più di 1400 famiglie sotto sfratto"

Il sindacato annuncia per il prossimo 25 gennaio una mobilitazione per il diritto alla casa: "Dramma sociale, ma le istituzioni restano indifferenti"

"Sono più di 1400 le famiglie sotto sfratto nella città di Bari. Più del 90% quelle colpite da procedura di sfratto esecutivo per morosità incolpevole". E' l'allarme lanciato dall'Unione Inquilini Bari, che annuncia per il prossimo 25 gennaio una mobilitazione per la difesa del diritto alla casa e al lavoro. "Un dramma", quello delle famiglie sfrattate, "divenuto allarmante emergenza sociale", ma di fronte al quale - denuncia il sindacato - le istituzioni locali continuano a rimanere indifferenti.

"Condanniamo il comportamento vergognoso delle istituzioni - si legge in una nota del sindacato - che preferiscono relegare l'emergenza abitativa nell'ambito dei problemi di ordine pubblico e sicurezza, polizia, sgomberi coatti, ricoveri forzati in strutture tutt'altro che confortevoli, che decidiamo di chiamare vere e proprie galere, nelle quali, spesso, i minori vengono sottratti all'amore e alla cura dei genitori! Si preferisce la repressione, si sceglie di finanziare istituti privati e religiosi piuttosto che destinare fondi che sostengano tutte quelle famiglie che non riescono a sostenere il costo esoso di un appartamento perchè hanno perso il lavoro! Non ci resta dunque che continuare a lottare utilizzando la pratica estrema dei picchetti antisfratto, come da anni accade in questa città! Come scudi umani gli attivisti di Unione Inquilini e i militanti del movimento di lotta per la casa impediranno fisicamente l'esecuzione degli sfratti ai danni di queste famiglie in grave stato di difficoltà! Questo gesto estremo, questa pratica di lotta ormai consolidata da tempo è altresì atto di denuncia perchè il nuovo prefetto di Bari appena insediato metta urgentemente in attuazione quanto previsto dalla legge 124 del 2013 in materia di graduazione degli sfratti! Ricordando che Unione Inquilini Bari aveva già presentato istanza per la sospensione degli sfratti per morosità incolpevole nel mese di dicembre senza aver ricevuto alcun riscontro positivo da parte del precedente prefetto, ripresenteremo lunedi mattina una nuova istanza perchè come sta accadendo in altre città italiane, il prefetto Nunziante provveda con la massima tempestività a sospendere gli sfratti in esecuzione con ausilio di forza pubblica!".

"Rilanciamo inoltre la mobilitazione del 25 gennaio 2014 sul diritto alla casa e al lavoro promossa da UNIONE INQUILINI FEDERAZIONE DI BARI, ALTERNATIVA COMUNISTA, COORDINAMENTO NO AUSTERITY e fortemente sostenuta dal movimento di lotta per la casa MLC BARI, studenti, precari, disoccupati, operai, famiglie sotto sfratto esecutivo. Per il diritto alla casa, per la riqualificazione del patrimonio immobiliare di comune provincia e regione e per un NO deciso al consumo di suolo, per il blocco immediato di tutte le procedure di sfratto per morosità incolpevole, per il censimento del patrimonio immobiliare sfitto e destinato alla rendita e alla speculazione a vantaggio dei padroni immobiliaristi e per la immediata requisizione dello stesso perchè venga destinato alle famiglie in emergenza abitativa. La casa è un diritto!".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza casa, l'allarme di Unione inquilini: "A Bari più di 1400 famiglie sotto sfratto"

BariToday è in caricamento