Economia

Felsa Cisl Bari: è entrato in vigore l’accordo per i co.co.pro nel settore delle ricerche di mercato

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

E' entrato in vigore dal 1 gennaio 2014 l'accordo per la regolamentazione delle collaborazioni nelle ricerche di mercato per i lavoratori con Partita iva, occasionali, Mini Co.co.co e, che prevede ben 5 profili professionali A comunicare l'importanza dell'accordo siglato il segretario generale della FELSA Cisl di Bari, Elena De Matteis. L'accordo, sottoscritto nelle scorse settimane tra Assirm (Associazione nazionale che riunisce gli istituti di ricerche di mercato, sondaggi di opinione e ricerca sociale) e Felsa Cisl, Nidil Cgil , Uiltemp Uil, interessa circa 160 aziende e definisce un rilevante miglioramento delle condizioni di lavoro dei collaboratori a progetto del settore, disciplinando tra l'altro le varie figure professionali: intervistatori telefonici, intervistatori professionali (face to face), rilevatori, codificatori e shoppers. Un successo che finalmente sancisce diritti sindacali, continuità lavorativa, rimborsi spese e,riposo retribuito,

I punti rilevanti dell'intesa sono quelli relativi alla disciplina dei compensi e all'individuazione di una retribuzione che prevede per gli intervistatori telefonici, oltre all'individuazione di un compenso minimo orario garantito, una progressione salariale che in 3 anni e mezzo porterà il compenso al IV (operatore senior) e V (operatore junior) livello del contratto nazionale di lavoro del terziario. L'accordo apre inoltre un percorso di verifica sulle tipologie contrattuali utilizzate e sull'eventuale trasformazione dei rapporti di lavoro. Sono inoltre garantiti ad ogni lavoratore i trattamenti di miglior favore in atto alla data di entrata in vigore dell'accordo fino al 31/12/2015 sia per i lavoratori già contrattualizzati che per quelli che dovessero venire assunti successivamente all'intesa nessuna retribuzione potrà scendere al di sotto di quella prevista oggi

"La grande partecipazione dei lavoratori nell' assemblea di Bari, dove oltre Roma e Milano, si concentra il maggior numero di lavoratori, - spiega De Matteis - ha confermato il ruolo fondamentale degli strumenti partecipativi del sindacato e di una contrattazione inclusiva che restituisce diritti e tutele anche per tipologie come le collaborazioni a progetto. Un risultato importante non solo nell'attuale contesto economico, ma anche in questo percorso che dal 2003(Legge Biagi) ci vede tutti impegnati nel rendere il lavoratore a progetto sempre più flessibile e meno precario. Con la riforma Fornero - continua il segretario generale - siamo all' indomani della terza legge del mercato del lavoro in 15 anni circa e le collaborazioni, le partite Iva rappresentano il "contratto" predominante anche in Puglia e a Bari. La nostra economia territoriale in questo momento è sorretta anche da queste forme di rapporto di lavoro e da queste realtà, come i call center che sempre più diventano drammaticamente "l' ammortizzatore sociale" per chi proviene da aziende in crisi. La nostra azione non può trascurare che il nostro target non è più solo il giovane in cerca di prima occupazione e come Felsa Cisl di Puglia non possiamo consentire ancora l' esistenza di luoghi di lavoro che non possono essere definiti tali per la totale indifferenza nell'applicazione delle norme più basilari".

Per quanto attiene rilevatori e codificatori i compensi sono in linea con quelli previsti per gli intervistatori telefonici. Per i lavoratori sono inoltre garantiti i trattamenti di miglior favore in atto alla data di entrata in vigore dell'accordi fino al 31/12/2015. Grande la soddisfazione, che giunge dopo mesi di trattativa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Felsa Cisl Bari: è entrato in vigore l’accordo per i co.co.pro nel settore delle ricerche di mercato

BariToday è in caricamento