menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"I centri come i parchi commerciali, un nonsense che danneggia il commercio"

L'imprenditore Giancarlo Fiore di Citymoda evidenzia una imprecisione presente del Dpcm del 6 novembre, che di fatto equipara centri commerciali e parchi commerciali, che pure presentano caratteristiche differenti

Centri commerciali come i parchi commerciali? Per il Dpcm del 6 novembre, che impone a entrambi la chiusura durante i weekend, le due strutture sono sostanzialmente equiparabili, ma per chi opera nel settore non è così. A spiegarlo è l'imprenditore di Citymoda, Giancarlo Fiore.

"Nell’immaginario e nella convinzione comune le due tipologie di attività sono simili, ma assolutamente non è così - è spiegato in una nota .  Un Decreto ministeriale non può non tenere conto delle differenze sostanziali che ci sono. I negozi dei centri commerciali hanno un ingresso che avviene al chiuso, da un luogo interno a un altro. Per i parchi commerciali, invece, questo avviene da un luogo esterno, all’aperto, in uno chiuso. Proprio per questa differenza sostanziale cambiano anche le modalità di autorizzazione. Per i centri commerciali queste vengono rilasciate da Comune e Regione, mentre è più semplice quella dei centri commerciali, che prevedono solo il rilascio del permesso comunale.
L’articolo 4 del D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 114, stabilisce che il Centro commerciale è  “una media o una grande struttura di vendita nella quale più esercizi commerciali sono inseriti in una struttura a destinazione specifica e usufruiscono di infrastrutture comuni e spazi di servizio gestiti unitariamente. Ai fini del presente decreto per superficie di vendita di un centro commerciale si intende quella risultante dalla somma della superficie di vendita degli esercizi al dettaglio in esso presenti”.Del Parco commerciale non esiste una definizione normativa adottata a livello nazionale. Questi sono aggregati di esercizi commerciali che condividono soltanto il parcheggio, in modo analogo ai negozi dei centri urbani, al contrario aperti durante i weekend".

“Per stemperare la crisi dovuta al corretto lockdown – spiega l’imprenditore Giancarlo Fiore – abbiamo scelto di andare controcorrente e investire, aprendo 2 nuovi punti vendita Citymoda in due parchi commerciali, a Bari e a Surano. Avremmo potuto chiudere il 2020 in pareggio ma queste chiusure forzate e insensate, ci hanno portato a non poter superare questo momento difficile”.

In Veneto, in Emilia Romagna, in Lombardia e altre regioni da novembre, ci sono state già delle azioni da parte degli esercenti e dagli enti regionali stessi, per avere dei chiarimenti da parte del Governo su questa differenza. Chiudendo i parchi commerciali e lasciando aperte le attività dei centri urbani, non si tutela la salute, perché si crea assembramento nelle vie dello shopping e si contrasta la libera concorrenza.

“Mi auguro che il prof. Draghi e il nuovo Governo pongano attenzione a questa oggettiva imprecisione da parte del precedente DPCM. Ad ogni modo io e altri imprenditori del settore, come me danneggiati da queste chiusure, abbiamo intrapreso vie legali per un risarcimento da parte dello Stato”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento