menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il maltempo fa schizzare i prezzi degli ortaggi, Codacons: "Rincari ingiustificati fino al 190%"

Nuova denuncia dell'associazione dei consumatori che ha monitorato i prezzi di alcuni ortaggi, paragonandoli a quelli precedenti all'ondata di gelo degli ultimi giorni: "Chiesto intervento delle Procure"

Il record dei rincari va al prezzemolo, "le cui quotazioni all'ingrosso sono cresciute del +190,3%". Ma gli aumenti sono stati considerevoli anche per altri ortaggi: broccoli (+169,6%), bietola (+133,3%), finocchi (+131,3%), cicoria (+121,1%), cavoli verza (+83,3%), lattuga (+82,6%). 

E' "l'effetto-maltempo" sui prezzi dei prodotti ortofrutticoli, monitorato e denunciato dal Codacons, che parla di "crescita abnorme", "in alcun modo giustificata dalle condizioni meteorologiche avverse degli ultimi giorni".

L'associazione dei consumatori è tornata a denunciare quanto accaduto in seguito all'ondata di neve e gelo degli ultimi giorni, confrontando, in concreto,  i listini all’ingrosso dell’ortofrutta praticati nei principali mercati prima dell'emergenza maltempo (30 dicembre 2016) con quelli in vigore il 13 gennaio 2017. Un fenomeno, quello del rincaro di prezzi, segnalato anche da altre associazioni - tra cui la stessa Coldiretti - e in Puglia finito all'attenzione della Guardia di Finanza.

Il sospetto è che tali rincari, che incidono pesantemente sulle tasche dei consumatori, siano frutto di speculazioni e non di reali meccanismi di mercato legati alle difficoltà create dal maltempo. "E' oggettivamente impossibile - sottolinea in una nota il presidente del Codacons, Carlo Rienzi - che neve e gelo degli ultimi giorni possano aver determinato rincari per prodotti coltivati e raccolti settimane fa. Per tale motivo - prosegue - abbiamo chiesto a 104 Procure di tutta Italia di verificare dove si annidano le speculazioni e chi siano i responsabili, considerato che dal campo alla tavola frutta e verdura subiscono fino a 7 passaggi di filiera, con aumenti dall’origine al dettaglio che raggiungono quota +400%".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento