Martedì, 15 Giugno 2021
Economia

Imu sui fabbricati agricoli, le associazioni di categoria dicono no

Coldiretti, Cia, Confagricoltura e Copagri si oppongono all'introduzione dell'imposta municipale anche su capannoni e terreni agricoli: "Inaccettabile tassare i nostri mezzi di produzione"

No alI'Imu sui terreni e fabbricati agricoli. Le associazioni agricole regionali Coldiretti, Cia, Confagricoltura e Copagri si oppongono all'imposta municipale introdotta dal Decreto Salva Italia e ieri hanno organizzato un incontro con i deputati pugliesi Dario Ginefra (Pd), Antonio Distaso (Pdl), Luigi Vitali (Pdl), Giusy Servodio (Pd) e il sen.Luigi D'Ambrosio Lettieri (Pdl) per proporre l'introduzione di una serie di modifiche al decreto.

Secondo le associazioni la manovra avrà un impatto pesante su terreni agricoli e fabbricati rurali, dalle stalle ai fienili fino ai capannoni necessari per proteggere trattori e attrezzi, andando quindi a colpire quelli che sono i mezzi di produzione per le imprese agricole. Inoltre, hanno sottolineato i rappresentanti della categoria nel corso dell'incontro, i 224 milioni di euro di extragettito fiscale che lo Stato conta di incassare dalle aziende agricole, sono il frutto di un calcolo sbagliato poiché si basano su dati parziali relativi al numero di case e fabbricati adibiti a funzioni produttive connesse all'attività agricola. Inoltre il calcolo sarebbe stato fatto sulla stessa base imponibile della Ici terreni, che conteneva franchigie che non sono state ancora riportate nella nuova norma.

Le associazioni di categoria sperano quindi in una correzione delle norme da parte del tavolo sull'Imu agricola presieduto dal sottosegretario all'Economia. Molto dipenderà anche dalle scelte che verranno fatte a livello di singoli Comuni: il decreto, infatti, riconosce alle amministrazioni comunali la facoltà di ridurre drasticamente le aliquote previste per i fabbricati rurali, sugli immobili e sui terreni agricoli.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imu sui fabbricati agricoli, le associazioni di categoria dicono no

BariToday è in caricamento