Economia

Dai prestiti alle imprese al sostegno del reddito delle fasce più deboli: interventi per 450 milioni di euro dalla Regione

E' la cifra approvata dalla Giunta regionale con cui verranno finanziati gli interventi di aiuto all'economia pugliese e alle famiglie per la crisi derivata dall'epidemia Covid-19

Una 'boccata d'ossigeno' da 450 milioni di euro per aiutare l'economia pugliese a superare il momento di crisi derivato dall'epidemia Coronavirus. È quanto mette sul piatto la Regione Puglia nella nuova manovra approvata oggi dalla Giunta, con la quale orienta risorse regionali, nazionali ed europee in favore di aziende e comparti. E lo fa rimodulando parte del POR Puglia 2014-2020, del Fondo di Sviluppo e Coesione e del Patto per la Puglia.

Gli interventi messi in campo

Come saranno distribuiti i fondi? A spiegarlo in una nota è la Regione, che spiega i diversi ambiti di intervento messi in campo:

  • la Regione Puglia cofinanzia le risorse previste dal Fondo Centrale di Garanzia e dalla Cassa Depositi e Prestiti, che servono alle piccole e medie imprese per potersi rivolgere alle banche e accedere più agevolmente ai prestiti, in modo da integrarsi con gli strumenti previsti dal Governo nazionale con il Decreto Imprese e accrescerne l’efficacia.
  • Sarà attivato un nuovo “Titolo II - Emergenza COVID 19” rivolto al capitale circolante delle imprese, che prevede un contributo a fondo perduto in aggiunta alla copertura degli interessi, da destinare alle immediate necessità per fronteggiare la crisi e assicurare la più ampia ripresa delle attività economiche post crisi sanitaria.
  • Si attiva il “Microprestito Emergenza COVID 19” rivolto a tutte le microimprese, ai titolari di partita IVA, ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti, attraverso cui sono concessi prestiti a tasso zero erogati direttamente dalla Regione Puglia tramite la società Puglia Sviluppo, con procedure semplificate e da restituire in 6 anni, finalizzati a ricostituire la liquidità necessaria a sostenere la ripresa.
  • A questi strumenti si aggiunge il potenziamento delle garanzie pubbliche a sostegno di nuova liquidità già poste in essere tramite i Confidi e la garanzia di Puglia Sviluppo, nonché l’ampliamento del portafoglio dei Minibond varati nel 2019 che consentirà di accrescere ulteriormente la massa finanziaria destinata agli operatori economici.
  • Sarà finanziato totalmente il rischio sul 100 per cento del circolante, quello che gli operatori economici utilizzano per pagare debiti a breve scadenza, come ad esempio gli stipendi, le bollette, gli affitti e i fornitori che approvvigionano il magazzino.
  • Uno specifico set di strumenti rafforzerà gli aiuti a sostegno del sistema turistico-ricettivo regionale.

"Oltre al sistema economico-produttivo pugliese, gli ambiti di intervento - spiega il governatore Emiliano - sono indirizzati anche al sostegno e integrazione al reddito per le fasce più deboli e disagiate dei cittadini pugliesi in condizione di maggiore difficoltà economica e sociale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai prestiti alle imprese al sostegno del reddito delle fasce più deboli: interventi per 450 milioni di euro dalla Regione

BariToday è in caricamento