Martedì, 27 Luglio 2021
Economia

Lavoro, cresce la cassaintegrazione straordinaria: +240% in un mese

I dati allarmanti della Uil: in un mese, da luglio ad agosto 2013, il numero di ore di Cigs autorizzate ha subito una brusca impennata

"In Puglia la crisi morde sempre di più con la spirale recessiva che si traduce in continui record per la cassa integrazione e nella chiusura di uno smisurato numero di aziende", afferma, in una nota, la Uil, che lancia un allarme partendo dal dato sulla cassa integrazione guadagni straordinaria: "Un vero e proprio record negativo quello della Cigs, le cui ore autorizzate ad agosto 2013 (8,3 milioni) segnano una pericolosissima impennata del 240,8% sul precedente dato di luglio 2013 (quasi 2,5 milioni) e del 589% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (1,2 milioni)". Sono, quindi, ''più che da bollino rosso gli indici di aumento della cassa integrazione nella nostra regione", sostiene il sindacato.

Ad agosto 2013, complessivamente, le ore autorizzate di cassa integrazione sono state 10,2 milioni, quasi il doppio rispetto al precedente dato di luglio, "di per sé preoccupante, quando le ore sono state quasi 5,5 milioni".

Dunque, incrementi dell'86,3% in termini congiunturali, nonché dell'80,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (5,6 milioni). Registrano una diminuzione di 71,9 punti percentuali sul precedente mese gli interventi ordinari (Cigo), passati da 1,8 milioni di ore di luglio 2013 a 524 mila ore di agosto 2013.

"Destabilizzanti gli incrementi della cassa straordinaria - commenta Aldo Pugliese, segretario generale della Uil di Puglia e di Bari - per via della natura stessa della prestazione, che viene sovente accordata nell'ipotesi di crisi aziendale. Quindi, non si tratta di una difficoltà temporanea. Con un simile aumento della Cigs ne consegue che sempre più aziende della Puglia rischiano di cessare l'attività produttiva e pertanto molti licenziamenti sono dietro l'angolo. Dal 2008, anno d'inizio della crisi, mai si è registrato un dato simile se si esclude il triste primato di luglio 2010 (11,4 milioni di ore di Cigs)".

Scrive ancora la Uil: "Ancorché in presenza dei noti problemi di finanziamento dello strumento, continua ancora a crescere in Puglia la cassa in deroga (Cigd), che segna un rialzo del 15% su luglio scorso, mentre diminuisce di 69,8 punti percentuali in termini tendenziali". "La situazione di crisi congiunturale e tendenziale della Puglia e dell'intero Paese - evidenzia il segretario generale della Uil regionale - obbliga le istituzioni a reagire alla caduta libera della nostra economia affinché i lavoratori, i giovani e i cittadini possano riacquisire la fiducia persa. Quindi, dare soluzione immediata a quelle emergenze che alimentano la disoccupazione. Determinante ai fini della ripresa economica è la riduzione delle tasse sul costo del lavoro, tema già messo in evidenza a Cernobbio nel recente workshop Ambrosetti sia dal Ministro del Lavoro Enrico Giovannini, che da quello dell'Economia Fabrizio Saccomanni. Ciò produrrebbe notevoli ricadute positive sia per i lavoratori sia per le imprese. In altri termini, occorrono subito misure in grado di dare ossigeno al mercato del lavoro e consentire la ripresa dei consumi e dell'occupazione". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, cresce la cassaintegrazione straordinaria: +240% in un mese

BariToday è in caricamento