Economia

Lezioni di "Bon Ton" nella ristorazione italiana

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Camerieri svogliati che, anzichè accompagnare l'avventore al tavolo, lo liquidano con un brutale " si sieda dove vuole". Titolari dai modi così ruvidi e sbrigativi da far sorgere nei clienti il dubbio di aver arrecato disturbo varcando la porta d'ingresso. Occorre un ciclo di lezioni che, insegnando a camerieri e maître l'arte delle buone maniere, questo dovrebbe puntare a far fare alla categoria un salto di qualità.«La regola d'oro è saper accogliere i clienti - spiega il Maitre Donato Carra, -. Sorriso e maniere cordiali sono indispensabili per far bene questo lavoro, eppure troppo spesso vengono dimenticati, per colpa di un certo menefreghismo da parte del personale. Spesso si tende a considerare la sala un elemento accessorio rispetto alla cucina: nulla di più sbagliato. Il calore dell'ambiente è importante tanto quanto la qualità del cibo o delle bevande che vengono servite».Da dove iniziare, quindi, per superare la proverbiale freddezza di tanti ristoratori locali? «Dal saluto iniziale - prosegue Carra -. Il cliente va accolto subito con un "buongiorno" o un "buonasera" sincero e convincente, a cui poi devono seguire tante altre piccole attenzioni. Una tra tutte: il cameriere addetto alla sala dovrà sempre premurarsi di sfilare il cappotto agli ospiti, provvedendo personalmente a sistemarlo poi nel guardaroba. E dovrà anche accompagnare i commensali al tavolo e intercettare ogni loro esigenza, senza diventare mai eccessivamente invadente. I clienti devono sentirsi coccolati, non sotto esame». Principi apparentemente banali, eppure troppo spesso trascurati,"Il saluto", "L'accoglienza", la "Predisposizione al dialogo", "Fattori comportamentali sul posto di lavoro a contatto con il cliente". In Italia c'è un bisogno impellente di "talking waiters" ovvero di camerieri abilitati a suggerire cibi e pietanze, a sorridere, a mettersi in gioco, a prendere comande corrette, distribuendo cordialità ai turisti.

Insomma, occorre addestrare i giovani e metterli consapevolmente sulla scena del servizio. Ed è rivolto ai ristoratori, affinché siano illuminati a trasmettere alle nuove generazioni di camerieri il vero spirito dell'ospitalità.
Oggi c'è meno formalismo nel lavoro del cameriere rispetto al passato, ma resta inalterato lo spirito con cui questa professione deve essere svolta: quello del "servire" non come sudditanza al cliente, ma come biglietto da visita di una profonda cultura dell'ospitalità. Quindi non si tratta solo di distribuire i pasti e le bevande o di allestire i tavoli della sala del ristorante, ma saperlo fare in modo cordiale, rapido e professionale è questa l'arte del servire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lezioni di "Bon Ton" nella ristorazione italiana

BariToday è in caricamento