Domenica, 1 Agosto 2021
Economia

"Basta precarietà, il governo riduca le tasse", in piazza Castello la manifestazione dei lavoratori

In tremila al corteo di Cgil, Cisl e Uil organizzato in vista della mobilitazione nazionale del 22 giugno a Roma

Basta con la precarietà del lavoro e gli aumenti delle tasse, subito investimenti e misure per il rilancio dell'economia. In circa tremila - secondo gli organizzatori - hanno sfilato a Bari nel corteo promosso in maniera unitaria da Cgil, Cisl e Uil di Puglia, in contemporanea a Lecce, Brindisi, Trani e Foggia, per chiedere "che il tema del lavoro torni al centro delle scelte politiche ed economiche del Paese, con soluzioni che rilancino l'apparato produttivo, gli investimenti, e che pongano un freno alla drammatica condizione di disoccupazione che vivono milioni di italiani".

Queste rivendicazioni animeranno anche la manifestazione nazionale dei sindacati confederali, in programma il prossimo 22 giugno a Roma. Le richieste che oggi avanzano Cgil, Cisl e Uil Puglia, sono invece rivolte sia al governo nazionale sia a quello regionale. Al primo, i sindacati chiedono, fra l'altro, "l'effettiva salvaguardia degli esodati; la riduzione delle tasse a lavoratori dipendenti, pensionati e imprese; ma anche di dare la possibilità ai Comuni che hanno risorse, di fare investimenti e avviare i cantieri già deliberati, fuori dal patto di stabilità". Tra le altre richieste, "c'é una pubblica amministrazione più efficiente; la riduzione dei costi della politica; un'azione di contrasto alla povertà; la proroga per i contratti precari in scadenza nella pubblica amministrazione e nella scuola; la riforma dell'Imu, esonerando solo i possessori di un'unica abitazione, con un tetto riferito al valore dell'immobile". Alla Regione Puglia, invece, i sindacati chiedono di "accelerare la spesa per gli investimenti, pubblici e privati, riavviando cantieri che offrano occasioni di crescita al settore edile e all'indotto". Inoltre, chiedono "di dare corso al nuovo piano di smaltimento dei rifiuti guardando all'intera filiera e alle occasioni di crescita occupazionale". Ma invitano il governo regionale anche a "strutturare una rete di servizi sanitari e sociali integrati che risponda al bisogno di cura; ad attivare subito risorse per le politiche sociali e quelle del Piano d'azione e coesione; a impegnare le amministrazioni comunali per la definizione di Piani straordinari per l'occupazione; a rilanciare politiche di sostegno al sistema delle imprese che investono in formazione e ricerca". Infine, i sindacati chiedono "di velocizzare l'attuazione del Piano straordinario della Regione a favore dei lavoratori che hanno usufruito degli ammortizzatori sociali in deroga, con l'attivazione delle risorse per il sostegno al reddito".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Basta precarietà, il governo riduca le tasse", in piazza Castello la manifestazione dei lavoratori

BariToday è in caricamento