Economia

Master europei: l'"eccellenza pugliese" a Gr Parlamento Rai

Il Direttore di Master Europei Barbara Wojciechowska racconta in un’intervista l’esperienza degli studenti dei Master Europei: “I ragazzi ci dicono “Non abbiamo capito niente dell’Europa, qui bisogna darsi da fare”. E la Polonia è un Paese con lo sviluppo tra i più alti d’Europa”, dichiara la Prof.ssa Wojciechowska

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Il Direttore di Master Europei Barbara Wojciechowska è uno dei quattro ospiti della puntata di stamattina, ore 7:25 e in replica alle ore 23, della trasmissione "L'Italia che cambia" al Gr Parlamento Rai, condotto dal giornalista Daniel Della Seta. Si parla di ricerca e di università, commentando le notizie di cronaca che raccontano una ricerca che, in Italia, perde punti: dalla mancanza dei fondi alla corruzione, dal calo di iscrizioni delle Università alla mancanza di sbocchi lavorativi. La trasmissione ha, quindi, approfondito pro e contro della formazione italiana, con interviste a docenti delle Università di Perugia, di Roma e Bari. E, nell'ultimo caso, si parla proprio dei Master Europei della Regione Puglia: "l'eccellenza e la formazione, intrecciata con la tecnologia e l'internazionalizzazione" , come sostiene il conduttore.

"I Master Europei della Regione Puglia - dichiara il conduttore e giornalista Daniel Della Seta - sono gli unici master in Italia con quattro sedi in Europa. Sono circa 60 i fortunati giovani studenti pugliesi, aggiudicatari della borsa di studio di 25mila euro grazie alla Regione Puglia, che seguiranno i corsi. I master, della durata di un anno, prevedono 400 ore di lezione in classe, tra Polonia, Italia, Bruxelles e Berlino, e 300 di stage. L'offerta post-laurea internazionale è organizzata da quattro atenei polacchi. Non solo tecnologia, ma anche formazione e importanti collaborazioni con enti italiani ed europei. Cosa prevedono questi master? E in cosa si differenziano le università italiane da quelle polacche?

"Abbiamo inventato un master europeo non sul posto, non sedentario, che fa muovere le persone - spiega la Prof.ssa Barbara Wojciechowska - Sono 150 ogni anno, e siamo già alla sesta edizione. Sono tante persone dal Salento, da Bari e da Taranto, che si muovono e vivono in Polonia a Varsavia, poi a Berlino per 10 giorni, altri 10 a Bruxelles, torneranno in Polonia per tornare poi a Bruxelles. Ogni anno abbiamo la stessa risposta: i ragazzi ci dicono "Non abbiamo capito niente dell'Europa, qui bisogna darsi da fare". E la Polonia è un Paese con lo sviluppo tra i più alti d'Europa". E poi, ancora: "Gli studenti mi dicono: "Abbiamo imparato a rispettarci, a stimare i risultati, a lavorare insieme, studiare è un piacere": questi studenti acquisiscono otto professionalità, e gli studenti trovano posti di lavoro".

La puntata de "L'Italia che Cambia", andata in onda stamattina alle 7:25, andrà in replica stasera alle ore 23. Le frequenze sono 90.3 per Taranto e Lecce, 91.00 per Lecce, 98,2 e 101,75 per Bari

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Master europei: l'"eccellenza pugliese" a Gr Parlamento Rai

BariToday è in caricamento