Economia

Mercato immobiliare: scendono i prezzi delle case, aumentano le richieste di affitto

Un'indagine Tecnocasa fotografa la situazione del mercato immobiliare barese quartiere per quartiere. Due i fattori comuni: le quotazioni degli immobili che scendono, e la crescente domanda di case in affitto

I prezzi degli immobili scendono, ma anziché comprare casa i baresi preferiscono prenderla in affitto. Questa, in sintesi, la situazione del mercato immobiliare cittadino fotografata da uno studio Tecnocasa. L'indagine presenta l'andamento di compravendite e affitti per ciascun quartiere nel secondo semestre del 2012, e mette in evidenza, seppure con differenze da zona a zona, un andamento comune: ovunque le quotazioni degli immobili scendono, mentre, probabilmente a causa della crisi e del più difficile accesso al credito, aumenta la richiesta di case da affittare.

CENTRO CITTA' - La zona del murattiano è quella in cui il calo delle quotazioni è stata relativamente più contenuta: -3,2% (contro una media cittadina del 5,5%). La domanda di immobili in locazione è sempre sostenuta, determinando così la stabilità dei canoni di affitto.

JAPIGIA - Ribassi maggiori si registrano invece per le abitazioni che vanno da Japigia verso il centro, in particolare per le abitazioni Iacp ormai riscattate presenti in zona, costruite alla fine degli anni ’50, spesso da ristrutturare e per questo soggette a ribassi di prezzo più elevati.

TORRE A MARE - Le quotazioni delle abitazioni usate nel quartiere di Torre a Mare sono diminuite del 21,1%. Per quanto riguarda la prima casa (dove la difficoltà di accesso al credito ha comunque rallentato gli acquisti da parte di giovani coppie e famiglie), la tipologia più richiesta è la villetta singola, che spesso in zona si può trovare all’interno di residence molto diffusi a Torre a Mare. Al loro interno sono disponibili anche mini appartamenti. Tra le strutture più richieste ci sono il residence “Punta Azzurra” e “Parchitello”, quest’ultimo con centinaia di abitazioni. Sul versante degli affitti, invece, si registra un aumento della domanda soprattutto da parte di giovani o di lavoratori fuori sede: si ricercano bilocali affittati a 400 € al mese e spesso si stipulano contratti di tipo transitorio.

POGGIOFRANCO-POLICLINICO - In questa zona la diminuzione dei valori delle abitazioni si aggira intorno al 7,7%. Le quotazioni di Poggiofranco sono ancora in diminuzione, in particolare sono penalizzate le soluzioni di tipo economico-popolare e le tipologie usate, dal momento che in zona ci sono molte nuove costruzioni. La tipologia più richiesta è il trilocale. La zona più richiesta è quella storica di Poggiofranco, dove i prezzi degli immobili si avvicinano a quelli delle zone centrali. In aumento la domanda di immobili in affitto e dei contratti di tipo concordato. Le coppie giovani e i separati (categoria in aumento) cercano appartamenti arredati mentre le famiglie preferiscono le tipologie vuote. Per un bilocale si chiedono 550-600 € al mese.

CARRASSI-POGGIOFRANCO - Le quotazioni in questa zona sono calate del 5%. Le richieste provengono da soprattutto da famiglie con una situazione economica stabile, mentre le giovani coppie sono in netto calo e si orientano su immobili più piccoli. Le famiglie invece cercano prevalentemente trilocali già ristrutturati su cui impiegare non più di 230-240mila euro. La presenza del Policlinico attira una buona domanda ad uso investimento, tra cui anche quella di genitori che acquistano per i figli studenti. L’area che si sviluppa intorno a viale O. Flacco, nelle vicinanze del Policlinico, è quella più richiesta e dove l’offerta è più varia. Sul mercato degli affitti si registrano canoni in aumento, in parte per compensare le maggiori spese derivanti dall’IMU.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato immobiliare: scendono i prezzi delle case, aumentano le richieste di affitto

BariToday è in caricamento