Mercato immobiliare pugliese: a Bari prezzi superiori alla media nazionale

Nell’ultimo anno, i prezzi del mercato immobiliare pugliese sono calati meno di quelli nazionali e negli scorsi 12 mesi il mattone, in Puglia, ha sofferto meno.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Nell'ultimo anno, i prezzi del mercato immobiliare pugliese sono calati meno di quelli nazionali e negli scorsi 12 mesi il mattone, in Puglia, ha sofferto meno. Secondo i dati emersi dall'Osservatorio sul mercato immobiliare residenziale italiano condotto dall'Ufficio Studi di Immobiliare.it (https://www.immobiliare.it), a dicembre 2015, per comprare un immobile in regione si sono spesi 1.536 euro al metro quadro, a fronte di una media nazionale di 2.056 euro.

Stando all'analisi, se nel corso del 2015 i prezzi medi nazionali sono scesi del 5,1%, in Puglia il calo medio è stato inferiore, arrivando al 4,3%. Restringendo l'arco temporale dello studio, è emerso come nel solo secondo semestre 2015 i costi degli immobili residenziali della regione si siano ridotti dell'1,7%, per arrivare poi ad una sostanziale stabilità nell'ultimo trimestre dell'anno in cui la discesa è stata pari appena allo 0,9%.

Guardando ai singoli capoluoghi di provincia, Bari è decisamente quello che si distingue per le cifre richieste per un immobile. Chi voleva acquistare casa in città, a dicembre 2015, doveva considerare un prezzo medio al metro quadro pari a 2.083 euro, maggiore del valore nazionale (2.056 euro). La media barese si conferma ben lontana da quella delle altre città della Puglia, considerando che la seconda per costi degli immobili è stata Foggia con appena 1.388 euro al metro quadro. Se, nel corso del 2015, proprio Foggia è una delle due città, insieme a Taranto, dove i prezzi medi degli immobili sono scesi maggiormente (rispettivamente -6,4% e -6,7%), isolando il dato dell'ultimo trimestre del 2015, i costi delle case risultano addirittura in aumento, segnando un +0,7%, Taranto, al contrario, si è mantenuta su valori negativi anche nell'ultimo scorcio del 2015 (-0,5%).

La terza città più cara della Puglia è Lecce dove, a dicembre 2015, la richiesta media al metro quadro è stata pari a 1.254 euro, perdendo il 4% in un anno, ma solo lo 0,6% nell'ultimo trimestre 2015, segno che anche qui il calo ha decisamente frenato.

Il primato di città più conveniente per l'acquisto di una casa in Puglia spetta a Taranto, dove il costo medio si è fermato a 1.147 euro al metro quadro, a causa del calo annuo più forte di tutta la regione (-6,7%).

Va segnalata infine la città di Brindisi come quella pugliese in cui, nel 2015, i prezzi delle case hanno tenuto meglio, perdendo soltanto il 2,2% rispetto al 2014.

Torna su
BariToday è in caricamento