rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Economia

Molfetta, cresce il numero dei senza lavoro grazie al disinteresse del Comune. Oggi è toccato a 6 lavoratori Coop. Gea per l’assistenza domiciliare

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

"Non hanno più un lavoro 6 lavoratori della GEA coop sociale, in appalto per l'assistenza domiciliare per il comune di Molfetta, presso il centro Sociale Polivalente per minori disagiati "la Bussola." A parlarne Luigi De Ceglie della Fisascat Cisl

"Pur avendo inoltrato lo scorso 6 settembre, al comune di Molfetta richiesta di incontro per cercare eventuali soluzioni, lo stesso ad oggi non ha dato alcuna risposta.Pertanto dopo numerosi incontri tra i rappresentanti sindacali della Fisascat Cisl e i responsabili della GEA per cercare eventuali soluzioni alternative, non è stato individuato nessun percorso che evitasse il licenziamento, che purtroppo in data odierna è stato comunicato ai lavoratori.L'organizzazione sindacale ha fatto tutto il possibile per scongiurare questi licenziamenti, ma purtroppo non è stato possibile evitarli. Il comune di Molfetta, sordo ai nostri appelli, non ha neppure risposto alla nostra richiesta di incontro. Tra l'altro sempre il comune di Molfetta non ha nemmeno tentato di salvare ed evitare ulteriori 12 licenziamenti nel centro disabili, in appalto alla Metropolis. Oggi in questo centro disabili anzichè 21 lavoratori, ne sono impiegati soltanto 9.Tutto questo è dovuto al fatto che il comune ha innalzato il tetto dell'ISEE per gli aventi diritto all'assistenza, e di conseguenza il numero degli utenti è diminuito sensibilmente; pertanto il comune ha danneggiato i cittadini fruitori dei servizi e le famiglie dei disabili e i lavoratori. "

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molfetta, cresce il numero dei senza lavoro grazie al disinteresse del Comune. Oggi è toccato a 6 lavoratori Coop. Gea per l’assistenza domiciliare

BariToday è in caricamento