Martedì, 18 Maggio 2021
Economia

Natuzzi, via libera dei lavoratori all'accordo con l'azienda

Negli stabilimenti il 94% dei dipendenti vota per il sì all'intesa raggiunta dai sindacati: l'accordo prevede contratti di solidarietà per 1400 lavoratori e il rientro dalla Romania di produzioni precedentemente delocalizzate

Accordo approvato a larga maggioranza: ha incassato il 94,6% dei sì dei dipendenti la bozza di intesa sulla vertenza Natuzzi elaborata nell'ultimo vertice romano. L'accordo è stato sottoposto oggi al voto dei lavoratori dei cinque stabilimenti del gruppo (i voti favorevoli sono stati 1042 su un totale di 1101 votanti) e nei prossimi giorni - il nuovo incontro è fissato per il 22 gennaio - sarà messo nero su bianco.

La bozza di intesa prevede, tra i suoi punti principali, contratto di solidarietà per 1400 lavoratori; ritorno al lavoro, sempre con il contratto di solidarietà, per un centinaio di dipendenti attualmente in cassa integrazione; cassa integrazione straordinaria per 309 persone, con l’impegno di riassorbirle nel tempo nelle cosiddette “newco”; anticipazione della solidarietà da parte dell’azienda, il congelamento del 60% degli scatti di anzianità per i prossimi quattro anni e il blocco delle 64 ore di permessi cosiddetti “Rol” per tutto il periodo della solidarietà.Previsto anche il rientro dalla Romania di alcune produzioni precedentemente delocalizzate e la costituzione di un comitato consultivo, che viene informato sulle decisioni strategico-finanziarie del Gruppo.

Soddisfatto il segretario della Feneal Uil Puglia, Salvatore Bevilacqua: “I lavoratori hanno recepito – commenta – con grande senso di responsabilità il senso e l’importanza dell’ipotesi di accordo raggiunta. Al di là dei favorevoli, la dimostrazione è anche nell’alta partecipazione alle assemblee convocate, il che dimostra che non soltanto c’è volontà di impegnarsi tutti insieme per rilanciare l’Azienda, ma si è praticamente tutti concordi nel fare sacrifici e nel dare solidarietà. L’obiettivo, infatti, è quello di dare respiro e nuove opzioni anche ad altri 500 lavoratori”. “Ora ognuno deve recitare la propria parte – conclude Bevilacqua – ed in particolare le Istituzioni, perché bisogna far partire le cosiddette ‘newco’, che rappresentano la vera ancora di salvezza per quei lavoratori attualmente in cassa integrazione straordinaria a zero ore e senza anticipo. E’ quella la vera scommessa di vincere per rilanciare in un colpo solo sia l’Azienda che l’occupazione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natuzzi, via libera dei lavoratori all'accordo con l'azienda

BariToday è in caricamento