menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vertenza Natuzzi, presidio Usb davanti alla Regione: "Noi fuori dalle trattative"

Il sindacato contesta la mancata partecipazione all'incontro in programma oggi nella sede della Giunta regionale: "Modalità assurde di svolgere trattative"

Presidio, questa mattina, davanti alla sede della Regione Puglia, sul Lungomare Nazario Sauro, di circa 100 persone tra lavoratori e delle rsu di Usb, Unione Sindacale di Base, nell'ambito della vertenza Natuzzi, che vede 350 lavoratori a rischio licenziamento. I lavoratori Usb si sono dati appuntamento davanti alla sede della Giunta pugliese, dove questo pomeriggio si svolgerà un incontro tra rappresentanti del governo regionale, Cgil, Cisl e Uil: "Non siamo stati invitati - afferma un rappresentante sindacale - e siamo qui per denunciare la modalità a nostro avviso assurda di svolgere le relazioni industriali. il 12 gennaio scorso, dopo la nostra protesta sull'Estramurale Capruzzi, rappresentanti della Regione ci avevano assicurato che avrebbero convocato anche la USb, al più presto. Oggi protestiamo contro il metodo e, per noi, è un colpo allo stomaco".

Il sindacato contesta anche l'atteggiamento dell'azienda: "Natuzzi  - prosegue Usb - ha ottenuto da Regione Puglia, Basilicata e Mise, ben 37 milioni di euro, senza avere, in cambio, la certezza che i lavoratori non venissero licenziati, invece ai dipendenti dello stabilimento di Ginosa, attualmente non funzionale, è stata recapitata una lettera di licenziamento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento