Economia

Nodo ferroviario, Minervini: "Pronti 400 milioni, attendiamo ok del Cipe"

Nella prossima riunione il Comitato interministeriale per la programmazione economica dovrebbe dare il via libera definitivo al progetto di riqualificazione del nodo ferroviario di Bari

"Nella prossima seduta del Cipe ci attendiamo che sia approvato il progetto preliminare del nodo ferroviario di Bari. Abbiamo già messo al sicuro le risorse, i 400 milioni necessari alla realizzazione del tratto sud inseriti nel contratto di programma con Rfi. Il concorso di idee avvia la fase esecutiva, e il Comune di Bari apre la discussione sulla destinazione delle aree liberate".

L'assessore regionale alle infrastrutture e mobilità Guglielmo Minervini è intervenuto così questa mattina alla presentazione di «Bari centrale. Concorso internazionale di idee per le aree ferroviarie» presentato al Comune di Bari dal sindaco di Bari Michele Emiliano, dall'assessore all'urbanistica Elio Sannicandro e dall'assessore regionale alla qualità del territorio Angela Barbanente. La Regione ha avuto un ruolo fondamentale nella definizione del protocollo d'intesa con Rfi e Ministero per raccogliere la disponibilità a ragionare sulle aree non servibili all'esercizio ferroviario e quindi cedibili.

"La definizione del protocollo - spiega Minervini - è stata propedeutica al concorso che potrebbe profilare soluzioni percorribili sulle quali lavorare per un concreto atto di cessione da parte di Rfi. La realizzazione dell'ormai noto collo d'oca nel tratto sud di Bari centrale avrà due effetti cruciali. Il primo trasportistico: l'interoperabilità delle reti, ovvero la possibilità di ricucire le maglie tra le reti dei vari operatori ferroviari, premessa fondamentale per una integrazione dei servizi. La seconda per Bari: il riassetto del fascio di binari risarcisce le fratture e libera aree pregiate collocate al centro di una città soffocata dal cemento e dai binari. È un'occasione unica e irripetibile che Bari ha di ripensare se stessa".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nodo ferroviario, Minervini: "Pronti 400 milioni, attendiamo ok del Cipe"

BariToday è in caricamento