Economia

Om, due proposte per la reindustrializzazione. Attesa per la decisione del Ministero

Questa mattina un nuovo tavolo a Roma per esame i piandi di reindustrializzazione presentati dai ptenziali investitori. Il ministro allo Sviluppo economico Federica Guidi: "Siamo arrivati a una fase conclusiva, tra pochi giorni una decisione definitiva "

Potrebbe arrivare a giorni la decisione del Ministero dello Sviluppo economico sul futuro della Om Carrelli di Modugno. Questa mattina a Roma si è tenuto un nuovo tavolo, al quale hanno partecipato esponenti delle istituzioni locali, rappresentanti nazionali e territoriali di Fiom, Cisl, Uilm, Ugl, Rsu e Invitalia, per esaminare i progetti di reindustrializzazione presentati nei mesi scorsi dai potenziali investitori interessati a rilevare il sito. Tra questi, anche un fondo americano, la cui proposta è stata anche illustrata ai lavoratori qualche settimana fa.

"Durante la riunione - spiega una nota del Ministero - si è convenuto di avviare un confronto stringente e conclusivo sui progetti presentati da parte del Fondo americano Lcv Capital Management per la costruzione presso il sito OM Carrelli di Modugno di un’automobile innovativa con bassi costi e consumi con brevetto americano e da parte di Sandretto per lo sviluppo e la produzione, sempre presso lo stesso sito, di presse e stampanti 3D".

LE PAROLE DEL MINISTRO  - Il Ministro Federica Guidi, nel corso dell'incontro, ha assicurato "la massima collaborazione". "E’ un impegno che ho preso - ha detto il ministro - Siamo arrivati a una fase conclusiva. Ritengo che si possa giungere a una decisione definitiva nell’arco di pochi giorni".

LA DICHIARAZIONE DEL SINDACO DECARO - “Sembra che finalmente ci stia o avvicinando alla soluzione di una vicenda drammatica che ha messo in crisi centinaia di famiglie pugliesi - ha dichiarato il sindaco Decaro al termine dell’incontro romano - speriamo nei prossimi giorni di poter comunicare a tutti una notizia positiva e di poter mettere tutti i lavoratori nelle condizioni di tornare presto in azienda e di poter guardare con fiducia al futuro. Allo stesso tempo, crediamo che un investimento di tale portata possa dare nuovo impulso allo sviluppo economico dell’area industriale barese".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Om, due proposte per la reindustrializzazione. Attesa per la decisione del Ministero

BariToday è in caricamento