Martedì, 3 Agosto 2021
Economia

Per Ance Puglia necessaria la regionalizzazione verticale del patto di stabilità interno

L'associazione nazionale costruttori edili condivide appello di Anci Puglia alla Regione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Il presidente Delle Donne «Si favorirebbe la spesa dei Comuni virtuosi e gli investimenti senza generare alcun indebitamento».

Bari, 26 settembre 2013 «La Regione Puglia non può sottrarsi dall'attivare la regionalizzazione verticale del Patto di Stabilità interno». Lo afferma Nicola Delle Donne, presidente ANCE Puglia, secondo il quale «immettere liquidità nel tessuto economico e sociale del territorio senza generare indebitamento, neppure a breve termine, ma semplicemente utilizzando quanto già disponibile nelle casse di Province e Comuni virtuosi, sarebbe un importante risultato, per una piena valorizzazione delle opportunità di spesa e di investimento nel territorio pugliese».

«Autorizzare spazi finanziari agli enti locali virtuosi - continua Delle Donne - si tradurrebbe anche in pagamenti a fronte di obbligazioni assunte nei confronti di imprese per investimenti realizzati e avviati negli anni precedenti. Pagamenti che non possono ancora avvenire per i vincoli del Patto di Stabilità interno. Per questo auspichiamo che l'incontro richiesto da ANCI Puglia alla Regione finalizzato ad attivare solidarietà finanziaria tra gli Enti locali possa avvenire quanto prima».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per Ance Puglia necessaria la regionalizzazione verticale del patto di stabilità interno

BariToday è in caricamento