rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Economia

Dalla lezione di matematica al volo con il simulatore, al Politecnico arriva la Newton Room

Per la prima volta in Italia, l'aula esperienziale realizzata da Boeing con ScuolAttiva e la Onlus norvegese First Scandinavia, nasce con l'obiettivo di avvicinare gli studenti delle scuole superiori alle discipline scientifico-tecnologiche

Dalla lezione teorica all'esperienza di volo attraverso un simulatore: al Politecnico di Bari arriva la “Pop-Up Newton Room”, un’aula esperienziale dedicata alle discipline STEM ((Science, Technology, Engineering and Mathematics) la cui implementazione è promossa da Boeing in Italia in collaborazione con ScuolAttiva e con la Onlus norvegese FIRST Scandinavia.

L'aula Newton, alla sua prima 'tappa' in Italia, resterà al Politecnico di Bari per tre settimane (dal 4 al 19 novembre) e sarà aperta agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado della regione Puglia: l'obiettivo, infatti, è quello di avvicinare gli studenti delle scuole superiori allo studio delle discipline scientifico-tecnologiche. 

Alla cerimonia di apertura hanno partecipato Francesco Cupertino, Rettore del Politecnico di Bari; Angela Natale, Presidente di Boeing Italia e Managing Director per il Sud Europa; Per-Arild Konradsen, fondatore di FIRST Scandinavia; Simona Frassone, Presidente di ScuolAttiva Onlus; l'Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia, Alessandro Delli Noci e una delegazione di docenti e studenti del Liceo Statale “Tito Livio” di Martina Francas (TA).

“Dopo aver sperimentato con successo il concept Newton in diversi paesi europei, siamo davvero lieti dell’apertura della prima Newton Room in Italia”, ha affermato Angela Natale, Presidente di Boeing Italia e Managing Director per il Sud Europa. “Grazie a quella che è una proficua collaborazione con il Politecnico di Bari, FIRST Scandinavia e ScuolAttiva, abbiamo potuto ulteriormente potenziare l’offerta formativa di Boeing per le scuole italiane. Crediamo fermamente che progetti come Newton incarnino appieno l’impegno di Boeing nell'ispirare le giovani generazioni e promuovere il talento”. 

«Orientare gli studenti e, in particolare, le studentesse ai corsi di laurea STEM è una delle priorità del Politecnico di Bari per i prossimi anni, che saranno decisivi per i grandi cambiamenti a cui la società è avviata – dice il Rettore del Politecnico di Bari, Francesco Cupertino. “Oggi – continua - abbiamo circa il 31% di studentesse e non possiamo accontentarci di questa percentuale, perciò stiamo riorganizzando i nostri servizi di orientamento per renderli più efficaci, soprattutto verso la platea femminile. Grazie anche a collaborazioni mirate con partner industriali che hanno la nostra stessa sensibilità sul tema, come Boeing, cerchiamo di rendere l’orientamento sempre più esperienziale, oltre che informativo. Inoltre, vogliamo anticiparlo il più possibile, rivolgendoci alle scuole medie ed elementari. L’alleanza pubblico-privato – conclude - deve convergere, attraverso una collaborazione sempre più stretta, verso il comune obiettivo di far fruttare i giovani talenti, indirizzandoli verso i migliori percorsi formativi».

“Insieme a Boeing, Scuolattiva e il Politecnico di Bari sono degli ottimi partner con cui lavorare per l’introduzione del Newton concept in Italia. Siamo fortunati a lavorare con istituzioni che condividono i nostri valori e la nostra passione nel preparare i giovani studenti con un’istruzione STEM di qualità. Speriamo davvero che l’esperienza della pop-up Newton Room crei un interesse per l’istituzione di una Newton Room permanente a Bari”, ha affermato Per-Arild Konradsen, fondatore di FIRST Scandinavia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla lezione di matematica al volo con il simulatore, al Politecnico arriva la Newton Room

BariToday è in caricamento