menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ponte del 25 aprile, boom di prenotazioni per gli agriturismi pugliesi

Tutto esaurito nelle strutture ricettive sia nelle aree rurali che nelle zone di mare. Soddisfatta Terranostra Puglia, l'associazione agrituristica di Coldiretti, che sottolinea anche l'ampliamento dell'offerta: "Rafforzato il binomio cibo e cultura e l'offerta di attività ricreative e culturali"

Ponte del 25 aprile da tutto esaurito negli agriturismi pugliesi. Da Foggia a Lecce, al mare o nelle zone di campagna, tantissimi i turisti che hanno scelto questa formula ricettiva, con prenotazioni anticipate di quasi tre settimane rispetto allo scorso anno. A dirlo sono i dati diffusi da Coldiretti e Terranostra Puglia. 

“Si tratta di vacanzieri per lo più italiani – dice Carlo Barnaba, Presidente di Terranostra Puglia, associazione agrituristica di Coldiretti – che amano il buon cibo e soggiornare in strutture dove il contatto con la natura è vero e vissuto. L’agriturismo offre, tra l’altro, la possibilità di organizzare lo svago per i bambini con le attività didattiche in campagna alla scoperta dei frutti della terra e degli animali, una vera scoperta per i piccoli consumatori. Gli adulti possono partecipare a corsi di cucina, approfondimenti sulla alimentazione naturale, percorsi guidati dall’olio alla cosmesi naturale e dagli ortaggi alla tintura naturale dei tessuti”.

Secondo i dati Istat, resi noti dalle associazioni, delle 353 strutture attive, ben 126 sono condotte da donne (36%), dedite all’accoglienza, alla preparazione del cibo e alle attività multifunzionali.

“I nostri agriturismo propongono anche menù vegani e vegetariani – dice Gianni Cantele, Presidente di Coldiretti Puglia - e sono forti del grande appeal che vivono i prodotti enogastronomici pugliesi. Si è rafforzato, infatti, il binomio cibo e cultura e l’offerta di attività ricreative e culturali è aumentata in misura crescente nel corso degli ultimi anni, rispettivamente del 26,5 e del 22,4 percento. L’agriturismo è un’attività connessa a quella agricola e tale deve restare se vuole essere messaggera della genuinità e qualità dei prodotti tipici, oltre che strumento di conoscenza delle potenzialità ed opportunità economiche e sociali delle nostre campagne. L’offerta di attività ricreative e culturali è aumentata in misura crescente nel corso degli ultimi anni, rispettivamente del 29 e del 24 percento”.

Grandi opportunità anche dalla vendita diretta negli Agriturismo di Campagna Amica con il 45% delle aziende pugliesi che vende prodotti propri ed il 9,6 prodotti biologici. Importanti anche i numeri del turismo religioso. L’offerta di Campagna Amica per il Giubileo in Puglia si è strutturata attraverso 100 mercati di vendita diretta, 80 agriturismi e bed and breakfast in aree rurali, 25 ristoranti aderenti a Campagna Amica nel piatto presenti lungo i cammini che uniscono l’arte, la bellezza, la storia con il cibo e la cultura contadina, come la Via Francigena che unisce Brindisi, Monopoli e Bari fino al Gargano, con la possibilità di varianti marittime come quella da Bisceglie, Giovinazzo fino a Bari.

“Per il Giubileo straordinario dedicato alla misericordia – conclude il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti - gli agriturismo di Campagna Amica aderenti a Terranostra Puglia hanno già organizzato l’offerta del ‘Menù Amico del Pellegrino’, un pasto completo che segue la stagionalità delle produzioni ed esalta storia e tradizioni del territorio del percorso religioso ad un prezzo decisamente equo. La crisi costringe i vacanzieri a risparmiare e spinge all’acquisto utile di prodotti tipici come vino, formaggio, olio di oliva, salumi e conserve. L’acquisto di prodotti tipici come ricordo delle vacanze, tra l’altro, è una tendenza in rapido sviluppo favorita dal moltiplicarsi delle occasioni di valorizzazione dei prodotti locali che si è verifica nei principali luoghi di villeggiatura, con percorsi enogastronomici, città del gusto, mercati degli agricoltori di Campagna Amica”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento