Popolare di Bari: arresti confermano necessita di concedere anche agli azionisti i rimborsi Fir

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Il Siti, Sindacato Italiano per la Tutela dell’Investimento e del risparmio, alla luce delle reiterate, massive, ipotesi di reato di falso in bilancio e falso in prospetto informativo, negli anni tra il 2014 ed il 2018, per le quali sono scattati stamani gli arresti domiciliari a carico degli ex esponenti aziendali, confermano la necessita’ di riconoscere anche agli azionisti Popolare di Bari ( al pari delle Banche del Nord, che gia’ usufruiscono di tale rimedio ) il doveroso accesso ( ancorchè in costanza del cosiddetto “salvataggio” ), ai risarcimenti di cui al FIR, Fondo Indennizzo Risparmiatori, al fine di evitare che il conto sia pagato esclusivamente dagli incolpevoli Azionisti. Per questo motivo il Siti rinnova l’invito agli Azionisti della Banca Popolare di Bari ad attivarsi, per far emergere le violazioni massive avvenute nel collocamento al pubblico delle azioni firmando la Petizione per la estensione dei rimedi FIR ( pur in costanza del salvataggio della Banca ), anche agli azionisti Popolare di Bari, e per agire per il risarcimento del danno, previa Costituzione di Parte civile nei Procedimenti Penali contro i responsabili del dissesto, aderendo alle iniziative approntate dal Siti, raggiungibili all’indirizzo www.sindacatositi.it . Dott. Domenico Bacci Segretario Nazionale

Torna su
BariToday è in caricamento