Mercoledì, 23 Giugno 2021
Economia

Porto, traffico merci e passeggeri in crescita nel 2011

I primi nove mesi del 2011 fanno registrare una tendenza positiva nel porto di Bari: i passeggeri superano quota un milione e mezzo e il traffico merci segna +20% rispetto al 2010

Traffico merci e passeggeri in crescita nel porto di Bari nei primi nove mesi del 2011. A comunicare i dati è una nota
 dell'Autorità portuale del Levante. Incremento a doppia cifra per le merci, con un 20,14% in più rispetto all'analogo periodo del 2010, mentre i passeggeri superano la soglia del milione e mezzo, raggiungendo quota 1.581.194 (pari a 11.747 presenze in più).

A trainare l'incremento delle merci è soprattutto il commercio di grano, tradizionale prodotto di punta del traffico portuale barese, e il nuovo traffico container, avviato a fine 2010 da Msc, che ha spinto verso l'alto la quota delle merci varie.

Il traffico passeggeri vede una buona crescita del settore crocieristico (+12,24%), la tenuta dell'Albania (+1,02%) nonostante le difficoltà registrate ad inizio estate per il passaggio del confine albanese da parte dei cittadini kosovari e la straordinaria performance della Croazia, cresciuta del 24% e dovuta - secondo l'Autorità portuale del Levante - allo sviluppo del turismo religioso verso Medjugorie.

Altro elemento positivo è il rallentamento della flessione del traffico sulla linea verso la Grecia, in particolare per quanto riguarda il traffico pesante, mentre si registra una forte ripresa del traffico non accompagnato risalito del 19% rispetto allo scorso anno. La tendenza alla ripresa del traffico greco sembra stabilizzarsi anche dai primissimi dati del mese di ottobre. Sempre negativa invece la tendenza del traffico per il Montenegro, sul quale continua a pesare la lunga interruzione della linea ad inizio d'anno, dovuta all'adeguamento della flotta alle regole dello 'Stockholm Agreement'.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, traffico merci e passeggeri in crescita nel 2011

BariToday è in caricamento