Economia

Puglia sempre più in alto, team barese è tra i 10 migliori d'Italia: premiati sette giovani architetti

Il gruppo 'Iosa' è composta da Marcello Belviso, Davide Bertugno, Matteo Ciavarella, Maria Pia Fioriello, Antonio Filippo Lositom Martina Ottaviano e Valentina Vacca. Il 29 novembre ritireranno il premio a Salerno

È tutto barese uno dei team di architetti under 35 selezionati dalla Scuola di architettura strategica 'New italian blood', che ogni anno assegna un premio ai 10 migliori giovani studi italiani. A trionfare nella sezione 'Architettura' è stato il gruppo Iosa di Bari, composto da sette persone: Marcello Belviso; Davide Bertugno; Matteo Ciavarella; Maria Pia Fioriello; Antonio Filippo Losito; Martina Ottaviano e Valentina Vacca. Tutti originari di Bari, tranne Vacca e Fioriello che sono nati a Bitonto. La premiazione è prevista domani a Salerno, nella sede della scuola di architettura; durante la cerimonia riceveranno una targa anche i vincitori del premio nella seconda sezione prevista: 'Paesaggio'.

I lavori premiati

"Siamo impegnati in differenti campi di ricerca, ma collocati nella medesima prospettiva meridiana, mediterranea - ricorda Bertugno - L’obiettivo è mettere a sistema le competenze per prendere posizione all’interno del processo critico ed operativo di modificazione del reale, e restituire significato a termini logorati da un uso improprio, come sperimentazione, sensibilità, sostenibilità". Proprio su questa filosofia è nata l'associazione culturale senza scopo di lucro 'Iosa', che si pone l'obiettivo di promuovere e valorizzare il territorio e l'architettura pugliese.

Non è però solo per i lavori svolti sul territorio pugliese che i giovani architetti del team sono stati selezionati. A convincere i giudici, infatti, sono stati i progetti presentati dal 2016 a diversi concorsi nazionali ed internazionali di architettura e paesaggio, oltre alla cura di piccoli allestimenti di mostre temporanee. Tra questi possiamo citare il Concorso di idee per la riqualificazione di dieci aree urbane periferiche, tenutosi a Corato nel 2016, dove il loro progetto si è classificato quarto, oppure il Concorso di idee per la nuova uscita del Museo delle cappelle Medicee di Firenze, dove il team Iosa ha partecipato nel 2018. Due invece le mostre allestite: 'Aplab' a Valenzano nel 2018 e 2019 e 'Sovra Scritture Pugliesi', tenutasi a Bari nel 2018.

"Il nostro lavoro ha contribuito alla candidatura di Bari - conclude Bertugno - per ospitare il Festival dell’architettura del Sud Italia per il 2020 (bando Mibac) assieme a tanti altri operatori culturali. Questo premio per noi costituisce una piccola dimostrazione che la nostra volontà di fare squadra e di scegliere le lenti del nostro Sud per osservare meglio il mondo intorno a noi sia difficile, ma anche interessante e appagante".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puglia sempre più in alto, team barese è tra i 10 migliori d'Italia: premiati sette giovani architetti

BariToday è in caricamento