Domenica, 14 Luglio 2024
Economia Noicàttaro

L'uva barese presentata agli investitori internazionali: a Noicattaro la seconda edizione di 'Regina di Puglia'

L'evento, dedicato alla valorizzazione del prodotto locale, si svolgerà da domenica 21 a mercoledì 24 luglio. Il progetto, illustrato oggi a Bari, ha interessato anche i Comuni di Adelfia, Casamassima, Castellaneta, Polignano a Mare, Mola di Bari, Rutigliano

Si svolgerà da domenica 21 a mercoledì 24 luglio la seconda edizione di 'Regina di Puglia', il format voluto dal Comune di Noicàttaro per la valorizzazione, in Italia e all’estero, dell’uva da tavola pugliese e del suo territorio, progetto che ha interessato, già a conclusione dell’evento di un anno fa, altri sei Comuni della Puglia (Adelfia, Casamassima, Castellaneta, Polignano a Mare, Mola di Bari, Rutigliano). Le amministrazioni locali hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per la costituzione della rete 'Terre dell’Uva', al fine di dare seguito all'attività. La nuova edizione è stata presentata questa mattina alla Camera di Commercio di Bari che ha patrocinato l’iniziativa.

"L'obiettivo principale di Regina di Puglia è valorizzare il territorio attraverso un prodotto eccellente, l’uva da tavola, in rete con tutti i territori produttori e attraverso canali innovativi - ha spiegato l’assessore all’Ambiente e Agricoltura, Vito Fraschini - Le imprese sviluppano economia, anche espandendosi su nuovi mercati, da qui l'importanza dell'incoming dell'iniziativa, che consente di raggiungere mercati anche molto distanti. Come oggi pensiamo al Trentino quando parliamo di mele, vogliamo che vengano in mente i nostri territori quando parliamo di uva da tavola".

La Puglia rappresenta il principale distretto europeo dell’uva da tavola, produce il 58% dell’uva da tavola italiana, non meno di 600mila tonnellate l'anno. Con mele e kiwi, l’uva da tavola è il frutto italiano più esportato nel mondo. 'Regina di Puglia' punta ad offrire un approccio articolato e innovativo al riguardo, con un incoming di buyer internazionali e giornalisti nel mese di luglio e tappe di avvicinamento per la promozione all’estero.

"Abbiamo voluto sostenere questo progetto per più motivi che riteniamo strategici per il nostro ente: l'azione di rete tra Comuni, la promozione di un prodotto di punta, in cui vantiamo primati numerici e di qualità, la capacità che ha l'uva da tavola di rappresentarci, nella nostra tradizione di comunità, che dall'agricoltura si estende al turismo, coinvolgendo il commercio e l'artigianato - ha dichiarato la presidente della Camera di Commercio di Bari, Luciana Di Bisceglie - Un'iniziativa a tutto tondo, di valorizzazione di un prodotto-simbolo,  in cui la parola sostenibilità si compie nel suo significato più ampio e che va dall'economia all'ambiente, al sociale".

"Essere i primi produttori di uva di tavola è il risultato di anni di lavoro, ma oggi con la rete Terre dell'Uva possiamo contare sull'aiuto delle istituzioni per portare la nostra uva e la cultura della nostra produzione ovunque", ha commentato Giacomo Suglia, presidente Apeo.

"Non solo sostegno all’iniziativa, ma un progetto fondamentale e unico per conquistare nuovi territori e nuovi mercati", ha sottolineato il presidente della Coldiretti Puglia, Pietro Piccioni.

Dopo il successo della prima edizione, sarà replicata la quattro giorni di intense relazioni tra produttori pugliesi e buyer, italiani e stranieri. Nel 2023 Noicattaro ha accolto buyer provenienti da Europa (Francia, Germania, Italia, Lituania, Polonia, Svizzera) e mondo arabo, oltre ad una delegazione cinese, a giornalisti, anche stranieri, e blogger.

L’evento ha avuto anche altre declinazioni: visite alle aziende di produzione, esperienze in campo durante la raccolta. Anche quest’anno è ricco il programma culturale: "Un modo per poter raccontare il nostro territorio: abbiamo infatti organizzato appuntamenti aperti a tutti, con una grande esclusiva ovvero lo spettacolo di danza aerea di Elisa Barrucchieri e la compagnia Res Extensa. Ma non solo, visite al teatro più piccolo d'Europa, con la collaborazione della compagnia Ludovica Rambelli con Les Tableaux", ha spiegato l'assessora allo Sviluppo del Territorio, Germana Pignatelli.

"Il successo della prima edizione di Regina di Puglia ci spinge a proseguire questa virtuosa esperienza - ha sottolineato il sindaco di Noicàttaro, Raimondo Innamorato - La rete dei Comuni che si è costituita promuoverà, con maggiore peso specifico, un prodotto-cardine della nostra economia, ma anche il nostro territorio ricco di storia, arte e cultura. L’unione dei Comuni, inoltre, permetterà ai nostri agricoltori di poter contare su un supporto istituzionale maggiore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'uva barese presentata agli investitori internazionali: a Noicattaro la seconda edizione di 'Regina di Puglia'
BariToday è in caricamento