Economia

Primo maggio a Molfetta, in corteo per la sicurezza sul lavoro

La manifestazione dei sindacati nella cittadina in cui, meno di un mese fa, due operai padre e figlio. Il segretario CGIL Bari Pino Gesmundo: "Tenere alta l'attenzione sul sistema dei controlli sulla sicurezza"

E' stato il tema della sicurezza sul lavoro a dominare la manifestazione unitaria del Primo maggio organizzata dai sindacati a Molfetta. Una scelta non casuale, visto che proprio nella cittadina del nord barese, meno di un mese fa, due operai, padre e figlio, hanno perso la vita in un incidente sul lavoro. Morti bianche che hanno ricordato un'altra tragedia, avvenuta sempre a Molfetta qualche anno prima, quella del Truck Center.

"Abbiamo scelto di manifestare la nostra rabbia e l’indignazione proprio a Molfetta, luogo in cui è avvenuta l’ennesima morte bianca perché la crisi non può essere l’alibi per tagliare la sicurezza - hanno spiegato gli organizzatori - È scomparso il diritto al lavoro, insieme a quello alla vita e alla salute nei posti di lavoro".

"Abbiamo il dovere di tenere alta l'attenzione sul sistema dei controlli perché è inammissibile andare a lavorare e non avere la certezza di tornare a casa", ha sottolineato durante il suo discorso Pino Gesmundo, segretario Generale CGIL Bari.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo maggio a Molfetta, in corteo per la sicurezza sul lavoro

BariToday è in caricamento