Taxi fermi in piazza Prefettura, anche a Bari la protesta contro il governo

I conducenti tornano a manifestare contro le liberalizzazioni e "una presunta e miope apertura del mercato che non tiene conto dei diritti degli operatori"

I tassisti tornano a protestare anche a Bari. Da questa mattina e fino alle 22 i conducenti sospenderanno il servizio, aderendo ad uno sciopero indetto a livello nazionale.

Da questa mattina i conducenti hanno dato vita ad un sit-in in piazza Libertà, mentre domani dovrebbero essere ricevuti dal sindaco Decaro. Alla base della protesta, ancora una volta, le misure adottate dal governo per il riordino del settore, che secondo i rappresentanti della categoria favorirebbero concorrenti come Uber (il servizio di trasporto automobilistico privato che mette in collegamento diretto passeggeri e autisti tramite un'app).

In un volantino che spiega le ragioni della protesta, i tassisti parlano di una "destrutturazione e svendita da parte del governo del servizio taxi, per una presunta e miope apertura del mercato, che non tiene conto dei diritti degli operatori del settore e della qualità del servizio, a discapito degli utenti". I rappresentanti di categoria denunciano "il tentativo da parte del governo di liberalizzare e cambiare la natura propria del servizio pubblico non di linea (taxi e Ncc), mettendolo in mano alle multinazionali, sottraendo le competenze a Regioni ed enti locali". Per Ruggero Colangiuli, rappresentante 'Radio Taxi' Bari, il settore soffre sempre di più la concorrenza di app e servizi privati: "Siamo compatti - spiega - affinchè questa discriminazione termini. Ci sono norme da rispettare. Un servizio pubblico va effettuato attraverso autorizzazioni e licenze che per molti sono costate sacrifici e investimenti".

Per tutta la durata dello sciopero saranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali nei posteggi di aeroporto, stazione, policlinico, via Omodeo e piazza Massari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

  • Coronavirus, a Bari oltre 3mila casi accertati: l'area San Girolamo-Fesca-Stanic-San Paolo è la più colpita

Torna su
BariToday è in caricamento