menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dalle 'Georgia' alle 'Ferrovia', nel Barese la raccolta delle ciliegie: "Ottima qualità, ma produzione ridotta del 25%"

Il bilancio di Coldiretti sulla campagna in corso: il "clima impazzito" incide sulla quantità. Domenica prossima a Bari una giornata dedicata all'amato frutto: "Sempre troppo larga la forbice dei prezzi tra campi e vendita al consumo"

Una produzione ridotta del 25% a causa dei 'capricci' del clima, compensata però da un'ottima qualità del prodotto. A fotografare l'andamento della campagna per la raccolta delle ciliegie in corso nel Barese è la Coldiretti. "La produzione è di ottima qualità con un calo delle quantità del 25% per colpa dell’andamento climatico impazzito – dice – mentre i prezzi si stanno attestando sui 3,5 euro al chilo per le Georgia e 5 euro per la Ferrovia - spiega il presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele - Organizziamo una giornata di promozione di questo prodotto di punta dell’agricoltura pugliese, perché è sempre troppo larga la forbice dei prezzi riconosciuti in campagna agli agricoltori da quelli di vendita al consumo. Basti pensare che un chilo di ciliegie pugliesi ‘Bigarreaux’, che da noi non hanno già più mercato, a Milano è in vendita a 20 euro".

Il 'ciliegia Day' domenica 27 maggio

Per 'festeggiare' questo prezioso e amato frutto, Coldiretti organizza infatti per domenica prossima, 27 maggio, il 'Ciliegia Day': una intera giornata dedicata alle ciliegie su Piazza del Ferrarese a Bari nel Mercato di Campagna Amica. Dalle 10 alle 23 i consumatori potranno acquistare le ‘Georgia’ e le prime ‘Ferrovia’ appena colte, mentre contemporaneamente negli Agriturismi di Campagna Amica gli agrichef prepareranno piatti dolci e salati utilizzando il delicato frutto di stagione.

La produzione: il primato della provincia di Bari

La produzione di ciliegie risulta concentrata nella provincia di Bari che da sola rappresenta il 96,4% della produzione totale regionale (dati Coldiretti). Con le sue 47 mila tonnellate la provincia di Bari è la prima provincia italiana per produzione di ciliegie raccogliendo il 34% della produzione nazionale e la produzione di ciliegie in Puglia – aggiunge Coldiretti - è pari al 39,8% del totale nazionale. La graduatoria dei prodotti agricoli pugliesi nel contesto nazionale vede al primo posto anche le ciliegie con una superficie di quasi 20.000 ettari, di cui oltre 17.000 della sola provincia di Bari, la quale copre più dell’85% della superficie investita. “La produzione di ciliegie non ha subito gli attacchi della tecnologia, perché è destinata esclusivamente al consumo fresco e per questa ragione devono essere mantenute integre la pezzatura, particolarmente consistente per la ciliegia Ferrovia, la compattezza ed il sapore. Tutto ciò richiede un’accuratezza nelle fasi di coltivazione e di raccolta facilmente riscontrabile, per cui la mano dell’uomo non può essere sostituita dalle macchine”, spiega il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti.

Le ciliegie frutto prezioso per la salute

Le ciliegie sono uno dei frutti più amati e con meno calorie – aggiunge Coldiretti Puglia – e contengono vitamina A, vitamina C e vitamine del gruppo B. Sono inoltre una fonte da non sottovalutare di sali minerali, come ferro, calcio, magnesio, potassio e zolfo. Presentano, inoltre, oligoelementi importanti, con particolare riferimento a rame, zinco, manganese e cobalto. Le ciliegie contengono melatonina naturale, una sostanza che favorisce il sonno – conclude Coldiretti Puglia - e sono una fonte di antiossidanti, che aiutano il nostro organismo a contrastare l'invecchiamento provocato dai radicali liberi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento