rotate-mobile
Economia

Rimborsi per le spese scolastiche da parte dell’ente bilaterale terziario Bari Bat

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

L’Ente Bilaterale del Terziario BARI – BAT, nell’ambito della sua attività di rafforzamento del welfare territoriale, ha stanziato risorse proprie per sostenere parte del costo dell’istruzione dei figli dei lavoratori della Provincia di BARI – BAT che operano nel settore Terziario. Dal 23 ottobre al 31 dicembre sarà possibile inoltrare la richiesta di erogazione di rimborsi del valore di 150 euro ciascuno per le famiglie o i singoli lavoratori che hanno sostenuto o andranno a sostenere spese scolastiche per le scuole secondarie per l'anno scolastico 2023/2024. La misura, deliberata dall’Ente, tiene conto della spirale inflazionistica che, nell’ultimo anno, ha ridotto il potere d’acquisto delle famiglie e ha l’obiettivo di attenuarne l’impatto negativo. Unico requisito essere lavoratori dipendenti rientranti nel campo di applicazione del Contratto Nazionale Terziario–Confcommercio, appartenenti ad aziende in regola con la contribuzione all'Ente. Sono beneficiari coloro che abbiano un rapporto di lavoro dipendente al momento della presentazione della domanda in un'azienda aderente all'Ente Bilaterale del Terziario di Bari e della Bat e che l'azienda sia iscritta all'Ente Bilaterale e in regola con i versamenti contributivi. La sede di lavoro del dipendente deve essere ubicata all'interno di una delle due province di Bari o della Bat e l'azienda deve risultare iscritta da almeno tre mesi ed in regola al momento di presentazione della domanda da parte del dipendente. «Queste forme di sostegno ai lavoratori sono la conferma del nostro impegno costante nel garantire opportunità alle imprese e ai lavoratori, in particolare in questo momento di crisi e con il costante aumento dei prezzi - spiega Barbara Neglia, Presidente EBITERBARI – Segretario Regionale FILCAMS – CGIL. Promuovere la bilateralità ed i suoi vantaggi rientra tra la mission del nostro Ente e della nuova governance, eletta il 9/10, in quanto a volte succede che le aziende non conoscano bene i vantaggi dei quali hanno diritto. E gli stessi lavoratori non sempre utilizzano le provvidenze previste dalle intese contrattuali, considerato anche che l'adesione delle imprese agli enti bilaterali è obbligatoria come da previsione del Contratto Collettivo di Lavoro». Vito D’Ingeo, Vicepresidente Ebiter Bari e Presidente Confcommercio BARI-BAT, aggiunge: «Le attività dell’Ente diventano importanti ed essenziali per completare il welfare dei lavoratori ed aziendale, soprattutto quando il territorio provinciale è costituito da molte piccole e medie imprese. Inoltre l’Ente promuoverà nuove iniziative di sostegno saranno messe in campo nel breve dallo stesso ente: sia per aiutare lavoratori e imprese, sia per ridare slancio al ruolo attribuito dalla contrattazione collettiva alle parti sociali anche promuovendo con le OO.SS. accordi territoriali a supporto del territorio.>> Mauro Portoso, direttore dell'Ente Bilaterale Bari-Bat, puntualizza: «Oggi gli Enti Bilaterali assumono un ruolo importante all’interno della contrattazione collettiva ed anche nell’ambito della nuova normativa regionale che attribuisce agli Enti Bilaterali la validazione dei tirocini di durata superiore a 6 mesi. Le prestazioni assistenziali sono lo spirito che anima gli Enti Bilaterali nel sostenere necessità e bisogni di lavoratori e aziende che il nostro Ente eroga da diversi anni, continuando ad investire anche nella formazione professionalizzate per i dipendenti. >>

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimborsi per le spese scolastiche da parte dell’ente bilaterale terziario Bari Bat

BariToday è in caricamento