Economia

I giovani creativi si danno appuntamento in Fiera Al via il secondo Salone delle Start-up

Da domani fino al 22 settembre, nei padiglioni di The Hub e Spazio 7, un fitto programma di workshop e incontri che vedranno protagonisti giovani imprenditori e startupper di Puglia. Sabato spazio al Principi Attivi Camp con la visita della Presidente della Camera Laura Boldrini

Mettere in condivisione idee ed esperienze. Creare uno spazio in cui i giovani - imprenditori, start-upper, esperti di nuove tecnologie - possano incontrarsi, confrontarsi, dare vita a quella "contaminazione" di competenze da cui possono nascere nuovi progetti. E' questo l'intento del Salone delle Start-up e delle imprese innovative che si terrà da oggi pomeriggio (domani l'apertura ufficiale) fino a domenica prossima, 22 settembre, nei padiglioni Spazio 7 e The Hub della Fiera del Levante.

Un appuntamento che torna per il secondo anno consecutivo in Fiera e che, come ha spiegato in conferenza stampa il direttore generale dell'ente Leo Volpicella, "rappresenta una delle novità più significative di questa Fiera, che cerca di diventare sempre più tecnologica e aperta alle innovazioni e che quest'anno, ad esempio, è presente anche su internet con una web tv e attraverso i social network".

Ottanta le start-up che prenderanno parte al fitto calendario di incontri e workshop organizzati da The Hub e dall'associazione no-profit Qiris, con il sostegno di Fiera del Levante, assessorato alle Politiche giovanili della Regione Puglia, Camera di Commercio e Istituto Agronomico Mediterraneo.  Il Salone delle Start-up, ha spiegato Giusy Ottonelli, co-founder di The Hub, nasce da un esperimento, quello di mettere insieme attori diversi con l'intento di "creare un percorso in cui ci sia facilità di agire, un percorso che possa agevolare la comunicazione".  

Tra gli appuntamenti in calendario spicca quello del Principi Attivi Camp, in programma sabato 21 settembre, che vedrà anche la visita della presidente della Camera Laura Boldrini. "Con il Principi Attivi Camp - ha detto l'assessore alle Politiche giovanili Gugliemo Minervini - chiameremo a raccolta tutti i vincitori del bando Principi Attivi 2012 (il bando regionale nato per finanziare le start-up, ndr), per mettere in condivisione risorse ed esperienze. Ciascun progetto finanziato ha cambiato la vita ai ragazzi che lo hanno messo in atto, vediamo allora se messi tutti insieme questi ragazzi e questi progetti possono cambiare l'intero territorio regionale". "Sta già succedendo con The Hub e Quiris: due imprese nate grazie a Bollenti Spiriti che adesso diventano esse stesse  sponsor di iniziative per sostenere altre start-up".  "E' su questo terreno, sul campo della promozione delle giovani idee imprenditoriali - ha aggiunto ancora Minervini - che si gioca il futuro della Puglia. I giovani pugliesi stanno entrando nel tessuto socio-economico della Regione, e tutte le volte che abbiamo scommesso su di loro il ritorno ha superato le nostre aspettative".

Sulla necessità di sostenere l'imprenditoria giovanile ha insistito anche il presidente della Camera di Commercio di Bari, Sandro Ambrosi, che ha annunciato la nascita di una scuola a sostegno dei giovani start-upper nell'ambito dell'iniziativa "ValoreAssoluto" (il bando lanciato dalla Cdc per finanziare progetti imprenditoriali giovanili, ndr). Per Cosimo Lacirignola, direttore dell'Istituto Agronomico Mediterraneo, fondamentale è creare spazi per la "contaminazione" delle competenze, perchè "la ricerca tout court non può creare ricchezza senza catalizzatori, senza facilitatori".

E il concetto di sinergia lo spiega con una metafora efficacissima Nicholas Caporusso, nel 2008 primo classificato del bando regionale Principi Attivi e fondatore e presidente di Qiris, associazione non-profit nata nel 2009 che oggi è, come spiega il suo stesso ideatore, "un incubatore di start-up", un’impresa che supporta le giovani aziende aiutandole a fare business e a diventare più competitive. "Dobbiamo imparare a fare come le lucciole, - spiega Caporusso -  che quando stanno tutte insieme, quando si concentrano in un posto, si sincronizzano e cominciano ad illuminarsi all'unisono, dando vita ad uno spettacolo meraviglioso". Proprio come tante giovani menti creative - e tante start-up pugliesi ne sono la prova tangibile - messe insieme possono dar vita ad idee e progetti brillanti e originali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I giovani creativi si danno appuntamento in Fiera Al via il secondo Salone delle Start-up

BariToday è in caricamento