menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Contratto scaduto da tre anni", sit-in di protesta per i lavoratori appalti pulizie

Anche a Bari, in piazza Prefettura, si è svolta la mobilitazione del comparto degli addetti ai servizi integrati: "Nel rinnovo temiamo vengano abolite del tutto le clausole sociali"

Sit-in di protesta dell'Ugl, questa mattina, in piazza Prefettura, assieme ai lavoratori degli addetti appalti pulizie e servizi integrati, anche degli Enti pubblici, per manifestare contro la difficile situazione del settore. La mobilitazione barese è avvenuta in contemporanea con le altre nel resto d'Italia, organizzate, tra gli altri, da Cgil, Cisl e Uil: "Il contratto di categoria è scaduto da oltre tre anni  -spiega Gianni Vasienti della Ugl Puglia -. Le parti sociali e quelle datoriali sono in trattativa. Temiamo che nel prossimo rinnovo vengano abolite del tutto le clausole sociali che garantiscono una continuità lavorativa. Inoltre non vorremmo che vi fossero altre modifiche salariali a svantaggio dei lavoratori".

"Il settore - aggiunge Vasienti - è già ridotto all'osso poiché tra crisi e spending review c'è stata una riduzione degli appalti. Togliere anche la clausola sociale significherebbe mettere ancor più in difficoltà gli addetti. Parliamo di un ambito che dà lavoro a centinaia di migliaia di persone in Italia. Solo i puù fortunati raggiungono le 35-40 ore settimanali. Molti lavoratori sono impiegati 10 ore per settimana. Lo stipendio medio, di conseguenza, è calato a circa 400-500 euro al mese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento