Lunedì, 14 Giugno 2021
Economia

Scuola: calano le iscrizioni, ancora tagli alle cattedre

La Cgil Puglia lancia l'allarme: il numero di iscritti nelle scuole primarie e dell'infanzia continua a calare, con conseguente taglio dei posti in organico per l'anno 2014/2015

Continua a calare il numero delle iscrizioni nella scuola dell’infanzia e primaria in Puglia, e i posti in organico per i docenti continuano a diminuire.

A lanciare l'allarme è la Cgil Puglia, che stima per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una perdita di oltre 1500 alunni nelle scuole d'infanzia e 3200 nella primaria. Di conseguenza, le cattedre si ridurranno di 61 unità nelle prime e di 198 unità nelle seconde.

"Nella scuola primaria - aggiunge la Cgil - si rafforza ulteriormente il tempo pieno, con una tendenza che dura ormai ininterrotta da parecchi anni; dal 16,39% dello scorso anno passa ad interessare il 17,09% delle classi, dato che conferma un gradimento molto alto delle famiglie nei confronti di questo modello di tempo scuola e conferma la bontà delle nostre battaglie per continuare a difenderlo, insieme a quelle amministrazioni comunali che, pur tra mille ristrettezze, si sforzano di assicurare i necessari servizi di supporto (mensa e trasporto)".

"E intanto - scrive ancora la Cgil Puglia - cattive notizie giungono anche sul fronte universitario visto che l’ANVUR  - Agenzia nazionale per la valutazione dell’università e la ricerca – denuncia un calo delle immatricolazioni che nel Mezzogiorno arriva fino al 30% a fronte del 10% del Nord: sembra quasi che i giovani del Mezzogiorno abbiano smesso di considerare la formazione come un’opportunità di crescita per sé e per i propri figli. A fronte di questi dati, come già dichiarato in altre sedi, la FLC Cgil Puglia ritiene che, anche per salvaguardare i livelli di organico, la nostra Regione debba investire in un grande progetto di recupero delle decine di migliaia di giovani inoccupati e fuori da tutti i percorsi di studio e formazione, i cosiddetti Neet, la cui percentuale si avvicina in Puglia al 30% dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola: calano le iscrizioni, ancora tagli alle cattedre

BariToday è in caricamento