Economia

I sindacati in piazza anche a Bari contro i tagli del governo ai Patronati e Caf

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

I sindacati scendono in piazza anche a Bari a causa della riduzione dei fondi destinati ai servizi ai cittadini Caaf (fisco) e Patronati (previdenza), che costringerebbe a licenziare.
I sindacati  Cgil, Cisl  e Uil occupano nelle province Bari e Bat 155 dipendenti di cui 70 dei centri di assistenza fiscale sono a rischio. Le tre sigle sindacali oggi a  Bari fino alle 20 stanno dando vita  da un presidio in via Sparano angolo via Dante. La metà degli attuali dipendenti nelle province Bari e Bat è a rischio esubero per i tagli decisi dal governo.“La Cisl - spiega il segretario generale Giuseppe Boccuzzi -  conta 36 dipendenti a tempo indeterminato e 20 stagionali. La si smetta di perseverare nello scempio dei diritti dei lavoratori,  i parlamentari meridionali facciano sentire la loro voce». La Uil occupa 60 unità a tempo indeterminato e 7 stagionali.“In altre regioni — aggiunge  Aldo Pugliese, segretario generale della Uil di Puglia — abbiamo provato a chiudere per due giorni i nostri punti d’assistenza. È scoppiato il caos nelle sedi Inps, Inail e Agenzia delle Entrate”.“L’esecutivo -conclude Pino Gesmundo della segreteria generale della Cgil di Bari — riveda la decisione perché saremo costretti a introdurre l’assistenza a pagamento e a riformare la nostra struttura”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindacati in piazza anche a Bari contro i tagli del governo ai Patronati e Caf

BariToday è in caricamento