menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nei porti di Bari e Monopoli entra in funzione 'Vega': "Gestirà la movimentazione delle merci per ridurre l'impatto ambientale"

L'applicativo dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico Meridionale consente di acquisire i dati provenienti dai principali dispositivi di monitoraggio ambientale, quali fonometri, centraline di controllo qualità aria, stazioni meteorologiche, sonde multi-parametriche, correntometri, ondametri e mareografi

Il porto di Bari accoglie un applicativo avveniristico per la sostenibilità energetica del trasporto marittimo e multimodale: 'Vega'. L'innovazione è stata introdotta dall'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico Meridionale, e sarà operativa anche negli scali di Brindisi, Barletta, Monopoli e Manfredonia. Il sistema Vega, sviluppato nell'ambito delle attività previste dal progetto comunitario Interreg Italia-Croazia 2014-2020 "Sustainable Ports", consente di acquisire i dati provenienti dai principali dispositivi di monitoraggio ambientale, quali fonometri, centraline di controllo qualità aria, stazioni meteorologiche, sonde multi-parametriche, correntometri, ondametri e mareografi e, attraverso questi, di programmare la movimentazione delle merci, la prevenzione dei rischi derivanti dalla congestione del traffico e la riduzione complessiva dell'impatto ambientale.

Per fare questo Vega è stato integrato con l'applicativo del "Port Community System Gaia", che oggi governa tutte le informazioni che riguardano il trasporto di persone e merci. Attraverso la funzionalità Rule Chain, inoltre, è possibile costruire autonomamente una serie di catene di eventi e azioni collegate all'acquisizione dei dati. Ad esempio, laddove dovessero giungere segnali di superamento di alcune soglie di allarme, il sistema sarebbe in grado di inviare autonomamente notifiche ai soggetti responsabili dei controlli. Con la stessa logica applicativa l'infrastruttura tecnologica è in grado di inviare comandi ai dispositivi IoT integrati (Internet of Things). "Abbiamo studiato un sistema in grado di sfruttare le più recenti tecnologie per implementare e ottimizzare i traffici, limitando fortemente l'impatto ambientale e salvaguardando le risorse energetiche" commenta il presidente dell'autorità portuale Ugo Patroni Griffi, spiegando che "attraverso le funzionalità di Vega e i prossimi interventi che renderanno 'intelligenti' le infrastrutture fisiche portuali, i nostri porti saranno tra i primi in Italia in grado di gestire ed erogare esclusivamente i servizi che risultano essere necessari".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento