rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Economia

Lo stabilimento Peroni di Bari investe sull'energia green: 600 metri quadri di collettori solari per ridurre le emissioni di Co2

Accordo con la società Absolicon per costruire l'impianto che permetterà alla fabbrica di iniziare ad introdurre il calore solare nel funzionamento della sua produzione sostituendolo ai combustibili fossili 

Lo stabilimento Peroni di Bari compie un altro passo verso l'obiettivo di ridurre le emissioni di Co2 (con l'intento di arrivare ad azzerarle nel 2030). Peroni annuncia infatti di aver siglato un accordo con Absolicon, società specializzata nella fornitura di tecnologie per la transizione dai combustibili fossili, per costruire un campo di 660 mq di collettori solari presso il sito barese. 

L’accordo - è spiegato in una nota - prevede che Absolicon "fornirà la sua tecnologia brevettata Absolicon T160 e l'integrazione dell'impianto, mentre Birra Peroni utilizzerà il calore solare prodotto per il suo processo di produzione. La tecnologia brevettata Absolicon T160, con una temperatura del vapore prodotto fino a 160°C e a 8 bar, si adatta perfettamente al fabbisogno di energia termica dello stabilimento, garantendone potenzialmente l'indipendenza energetica, e permetterà a Birra Peroni di iniziare ad introdurre il calore solare nel funzionamento della sua produzione sostituendolo ai combustibili fossili con una conseguente riduzione delle emissioni di CO2. Questo primo anno di collaborazione servirà come base per testare e definire il potenziale ampliamento del progetto".

"Grazie alla tecnologia messa a disposizione da Absolicon lo stabilimento di Bari rafforzerà ulteriormente la sua posizione di eccellenza per innovazione e sostenibilità – dichiara Enrico Galasso, Amministratore Delegato di Birra Peroni – Abbiamo tra i nostri obiettivi quello di ridurre i consumi di energia e di minimizzare l’impatto ambientale, e le performance registrate dallo stabilimento pugliese ci confermano che siamo sulla buona strada. L’impianto realizzato da Absolicon ci permetterà di dare una forte accelerazione al cammino verso l’azzeramento delle emissioni di CO2 entro il 2030, obiettivo che fa parte integrante della nostra strategia aziendale".

Joakim Byström, CEO di Absolicon, ha dichiarato: "Noi di Absolicon puntiamo a rivoluzionare l'approvvigionamento energetico e a immaginare un'industria sostenibile. Birra Peroni ha grandi ambizioni climatiche e non vediamo l'ora che questo primo progetto congiunto e la tecnologia Absolicon contribuiscano a far raggiungere all’azienda l'obiettivo di una produzione a zero emissioni di CO2 ".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo stabilimento Peroni di Bari investe sull'energia green: 600 metri quadri di collettori solari per ridurre le emissioni di Co2

BariToday è in caricamento