Stabilizzati i precari della ricerca all'Oncologico di Bari: in 18 firmano il contratto

Si tratta di dieci ricercatori e otto collaboratori professionali di ricerca sanitaria: hanno sottoscritto un contratto di cinque anni con la successiva prospettiva di inquadramento a tempo indeterminato, come previsto dalla norma relativa al reclutamento di personale precario

Potranno contare su un contratto a tempo determinato per cinque anni, con la prospettiva del successivo inquadramento a tempo indeterminato, come previsto dalla normativa speciale relativa al reclutamento del personale precario. Sono 18 i professionisti dell'Istituto Oncologico 'Giovanni Paolo II' che questa mattina hanno sottoscritto il contratto per la stabilizzazione. Si tratta di dieci ricercatori sanitari e otto collaboratori professionali di ricerca sanitaria.

Emiliano: "Una promessa mantenuta, salvaguardato patrimonio che stava per essere disperso"

"Qualche anno fa, addirittura prima di diventare Presidente della Regione, incontrai i ricercatori dell'Oncologico di Bari e constatai che non solo questa struttura stava per essere fusa col Policlinico dal punto di vista assistenziale, ma che tutto l'apparato di ricerca collegata all'oncologia che questi ricercatori rappresentavano stava per essere disperso, a causa anche di una produttività molto bassa. Prendemmo un impegno allora nei confronti di queste persone per rilanciare la ricerca oncologica dell'unico IRCCS Oncologico della Puglia e questa promessa oggi è stata mantenuta. È stata mantenuta anche grazie al lavoro del direttore generale Antonio Delvino e dei suoi collaboratori che, di concerto col Ministero della ricerca e dell'università, hanno consentito un procedimento che porterà definitivamente alla stabilizzazione. Finalmente questi ricercatori smetteranno di elemosinare borse di studio e di cercare una stabilità e offriranno tutta la loro energia ad un "impact factor”: la capacità di fare ricerca viene misurata con questo sistema che garantirà la sopravvivenza dell'IRCCS Oncologico di Bari anche negli anni a venire. Ci sono giornate come queste che ti compensano di tutto il resto. Se avessi dovuto cedere all’opinione comune quando sono diventato presidente e non avessi tenuto la delega alla Sanità, forse non avremmo raggiunto questo risultato. La squadra è un elemento essenziale per far crescere la comunità, il gesto di oggi è coerente con una strategia più ampia che stiamo attuando. A questi ricercatori va il mio grazie per tutto quello che hanno fatto è che faranno a partire da oggi".

Delvino: "Produzione scientifica Irccs crescerà ancora"

“Abbiamo provveduto - ha detto il direttore Antonio Delvino - a dare stabilità a 18 professionisti che hanno tenuto viva l'attività di ricerca negli ultimi anni nonostante operassero in regime di assoluta precarietà. Tale atto, di concerto con le altre iniziative poste in atto, permetta di far crescere ulteriormente la produzione scientifica dell'IRCCS”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Ultimo giorno di zona gialla, da domani la Puglia torna in arancione: cambiano regole e divieti

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Scuola in Puglia, c'è l'ordinanza di Emiliano: superiori in Ddi per un'altra settimana, per elementari e medie resta la scelta alle famiglie

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

Torna su
BariToday è in caricamento