Ugl sanità: firmata, dopo 14 anni di attesa, la preintesa per il rinnovo del contratto della sanità privata

"Riconoscimenti economici e di diritti che restituiscono dignità ai lavoratori"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Dopo 14 anni di attesa, di lotte e rivendicazioni è finalmente arrivata oggi, per gli operatori della sanità privata, la firma sulla preintesa per il rinnovo del Contratto Nazionale. “Sono stati anni complicati - commenta il Segretario Nazionale della UGL Sanità Gianluca Giuliano - con momenti particolarmente difficili per i lavoratori fermi all’accordo siglato nel 2004. La UGL Sanità ha oggi firmato con Aiop e Aris la preintesa contrattuale per ottenere i dovuti adeguamenti di natura economica e di diritti che restituiscono loro pari dignità rispetto ai colleghi del pubblico”. Giuliano poi prosegue: “Lo abbiamo sempre urlato con forza come i lavoratori della sanità privata, protagonisti con la loro professionalità e il loro coraggio anche nei giorni difficili dell’emergenza per il Covid-19, non potevano essere considerati figli di un dio minore. Nel nuovo contratto è previsto un aumento medio mensile di 154 euro e l’erogazione di una una tantum di 1.000 euro che sarà pagata in due tranche. Riteniamo di aver apposto la firma in calce a un buon accordo che, ci auguriamo, aprirà la strada a quell’atteso rilancio della sanità con i lavoratori posti al centro di un progetto che possa fornire ai cittadini i servizi di cui hanno bisogno”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento