Giovedì, 29 Luglio 2021
Economia

Vertenza Om Carrelli, i lavoratori tornano in piazza: "L'azienda rispetti gli accordi"

Il prossimo 29 maggio i dipendenti dello stabilimento torneranno a manifestare: da oltre un mese non hanno più notizie della trattativa tra Kion e Frazer Nash che avrebvbe dovuto portare alla riconversione dello stabilimento

Manifestazione

I lavoratori della Om Carelli di Modugno tornano in piazza. Il prossimo 29 maggio, a un mese esatto di distanza dal mancato incontro al Ministero dello Sviluppo economico che avrebbe dovuto portare al perfezionamento dell'accordo per la cessione dello stabilimento, i dipendenti manifesteranno per chiedere chiarezza sul futuro della fabbrica.

Da oltre un mese, infatti, i lavoratori non hanno più notizie della trattativa tra Kion (l'azienda proprietaria della fabbrica) e la Frazer Nash che avrebbe dovuto rilevare lo stabilimento.

"Lo scorso 29 aprile – spiegano in un comunicato i sindacati dei metalmeccanici – si sarebbe dovuto concludere presso il Mise il lungo calvario dei lavoratori Om (dopo un anno e mezzo di trattativa), dando piena attuazione all’accordo quadro sottoscritto il 15 gennaio 2013 con tutte le istituzioni comunali, regionali e nazionali, le aziende Kion e Frazer-Nash, nonché le organizzazioni sindacali scriventi. Ad un mese dal rinvio della riunione del 29 aprile, siamo a chiedere per i lavoratori il rispetto degli accordi sottoscritti e il rilancio della vertenza con la realizzazione del progetto di reindustrializzazione per tutti i 224 addetti".

"Alla manifestazione parteciperanno gli attivisti e i rappresentanti sindacali di Fim, Fiom e Uilm delle altre aziende metalmeccaniche colpite dalla grave crisi economica che attanaglia il settore – conclude la nota –. Vertenze sconosciute ai più ma di uguale importanza, sia per il numero dei lavoratori coinvolti sia per l’alto impatto sociale che ne deriva".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Om Carrelli, i lavoratori tornano in piazza: "L'azienda rispetti gli accordi"

BariToday è in caricamento