Economia

Vertenza Om Carrelli, il Comune di Modugno: "Percorso insufficiente"

Chiesto un nuovo incontro al Ministero per lo Sviluppo Economico nell'ambito del processo di riassunzione dei 200 lavoratori della vecchia azienda da parte di Tua Industries

"Dopo aver rilevato alcune insufficienze sul percorso di reindustrializzazione del sito ex-Om Carrelli" il Comune di Modugno ha chiesto formalmente al Ministero per lo Sviluppo Economico, un "incontro con tutti i soggetti che partecipano al progetto di reindustrializzazione dell'ex-Om Carrelli". La richiesta è arrivata questa mattina, al termine di un confronto tra il sindaco Magrone, esponenti del Comune e i rappresentanti territoriali di Fim Cisl, Fiom, Uilm e Ugl: "Le parti sindacali - si legge in una nota del Comune di Modugno - hanno condiviso le osservazioni dell'amministrazione modugnese ed hanno convenuto con il sindaco Magrone sulla necessità di prospettarle a un livello istituzionale sovracomunale, coinvolgendo il Ministero dello Sviluppo Economico, Invitalia (l'agenzia che dovrà finanziare il progetto di investimento industriale), Regione Puglia, Consorzio Asi e Tua Industries per la soluzione in tempi rapidissimi del problema della riassunzione dei 200 lavoratori ex-Om Carrelli".

Sulla vicenda interviene anche l'Ugl Metalmeccanici Bari che auspica una risoluzione immediata della vertenza: "L'incontro avuto presso il comune di Modugno è stato voluto dalle organizzazioni sindacali proprio per sollecitare l'amministrazione comunale a procedere con urgenza per deliberare sul progetto ambizioso della newco Tua Autoworks, la quale garantirebbe l'assunzione di tutti i lavoratori entro la fine dell'anno in corso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Om Carrelli, il Comune di Modugno: "Percorso insufficiente"

BariToday è in caricamento