Economia

Vertenza Transcom, da domani presidio davanti all'azienda: "Scongiurare i trasferimenti a Lecce"

De Razza (Usb): "Nei prossimi giorni ulteriori manifestazioni davanti alla Regione Puglia". Intanto, rinviata a novembre la prima udienza sul caso al Tribunale del Lavoro

Un'immagine della protesta di qualche giorno fa sul lungomare

Un presidio sarà attivo, da domani mattina, aglingressi della sede Transcom di Modugno, per dire no al trasferimento dei lavoratori a Lecce deciso dall'azienda svedese: prosegue, dunque, la protesta della Usb dopo il sit-in di qualche giorno va sul lungomare, davanti al palazzo della Regione, organizzato per chiedere l'intervento delle istituzioni su una vertenza che riguarda circa 60 persone, 40 delle quali avrebbero già accettato la nuova prospettiva lavorativa in Salento.

Sit-in di protesta dei lavoratori Transcom: "No al trasferimento"

Il 2 ottobre scorso era stata fissata, al Tribunale del Lavoro di Bari, la prima udienza sul caso ma si è cominciato con un rinvio a novembre: "L'azienda - spiega Sabino De Razza (Usb) - non avrebbe ricevuto la notifica dell'udienza entro tempi utili. Il giudice ha così deciso di rinviare il tutto al 10 novembre. Nonostante questi avesse sospeso il trasferimento dei lavoratori, nelle more della prima udienza, la Transcom ha comunque deciso di chiudere l'unità di Bari dal 1° ottobre, sospendendo dal lavoro o mettendo in ferie forzate i dipendenti interessati. Chi non ha giorni da smaltire si troverà inevitabilmente in difficoltà con gli stupendi. Non ci sembra un modo corretto di impostare le relazioni sindacali".

Usb: "Perchè smantellare la sede barese?"

Usb, dunque, avvierà il presidio, annunciando anche altre iniziative: "Nelle prossime settimane - spiega De Razza - faremo un'ulteriore manifestazione davanti alla Regione Puglia, il cui silenzio è assordante. Cercheremo di trovare una soluzione politica per scongiurare il trasferimento. Non stiamo ricevendo supporto dalle altre sigle sindacali che, per ora, accettano tutti i diktat aziendali. Si tratta di un lavoro che si può svolgere indipendentemente dal luogo, quindi non capiamo la necessità di smantellare la sede barese".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Transcom, da domani presidio davanti all'azienda: "Scongiurare i trasferimenti a Lecce"

BariToday è in caricamento