Economia

Vincenzo Di Pace (Cisl) : "La legge di stabilita’ presentata dal governo non realizza la svolta politica ed economica necessaria per uscire dalla recessione e tornare a crescere"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

"Da troppo tempo tutti gli osservatori indicano in una significativa riduzione delle tasse a lavoratori, pensionati ed imprese che investono sul territorio, la via principale per operare questa svolta. Dunque occorre una nuova politica economica che liberi risorse per finanziare, gli investimenti a sostegno dell'occupazione e delle politiche sociali" ha esordito così il segretario generale della Cisl di Bari, Vincenzo Di Pace, nel suo intervento al comizio conclusivo della giornata di sciopero di 4 ore, nel capoluogo pugliese.

Secondo Di Pace, più volte applaudito da centinaia di persone presenti in rappresentanza di tutte le categorie, è indispensabile una deciso modifica della legge di stabilità, in particolare :

Riduzione delle tasse per lavoratori e pensionati,

Aumento delle detrazioni sia per i lavoratori dipendenti che per i pensionati;

Rafforzare la detassazione del salario di produttività

Potenziare la lotta all'evasione fiscale

Rivalutare le pensioni.

La Cisl, con Cgil e Uil ritengono necessario a questo punto, agire per un taglio significativo della spesa pubblica improduttiva e dei costi della politica.

E Di Dace, spiega anche come fare, sarebbe sufficiente ridurre drasticamente il numero delle società pubbliche e degli enti inutili, ridurre i componenti dei CDA e degli organi elettivi ed esecutivi e destinare le risorse derivanti dall'evasione fiscale per la riduzione delle tasse.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vincenzo Di Pace (Cisl) : "La legge di stabilita’ presentata dal governo non realizza la svolta politica ed economica necessaria per uscire dalla recessione e tornare a crescere"

BariToday è in caricamento