"Ero straniero, l'umanità che fa bene", raccolta firme su proposta di legge

Raccolta firme sulla proposta di legge popolare per superare la Bossi-Fini. Domenica 4 giugno si firma anche a Bari presso la Chiesa di San Marcello.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Una proposta di legge di iniziativa popolare, con una campagna nazionanle che coinvolge varie associazioni di ispirazione religiosa , laica, liberale, per raggiungere le 50 mila firme necessarie per poter chiedere al Parlamento di abolire la legge Bossi -Fini e superare le fallimentari politiche governative sull'immigrazione. La campagna è promossa da Radicali Italiani, Acli, Arci, Fondazione della casa di Carità, Cild, A Buon Diritto, Centro Astalli, con il sostegno della Caritas Italiana e della Fondazione MIgrantes. Il testo della legge, che si propone come una nuova legge quadro sull'immigrazione, si sviluppa sui principi di "accoglienza, lavoro, integrazione, diritti", attraverso l'accoglienza diffusa in realtà di piccole dimensioni sul modello Sprar, valorizzando le forze produttive del territorio e mettendo in centri pwer l'impiego in condizione di erogare servizi per il lavoro e politiche attive per tutti, da finanziare con fondi europei. Si chiede di introdurre il permesso di soggiorno temporaneo di 12 mesi per facilitare l'incontro tra lavoratori stranieri e datori di lavoro italiani; reintroduzione del sistema dello sponsor, previsto dalla legge Turco-Napolitano; un permesso di soggiorno per gli stranieri che hanno saputo integrarsi sul modello spagnolo di "radicamento". A Bari, domenica 4 giugno il comitato, composto da Radicali Bari, Arci, Giovani Democratici e Ass. Fratres Gioia del Colle, ha allestito un tavolo raccolta firme presso la Chiesa di San Marcello di Don Gianni De Robertis, dalle 10.00 alle 13.00 di La Chiesa di San Sabino (sul lungomare) di Don Angelo Cassano è presidio stabile durante tutto il periodo di raccolta firme sino a settembre.

Torna su
BariToday è in caricamento