'Averti addosso Antonio Marras: il teatro che abito!', un laboratorio creativo aperto a tutta la città

Un laboratorio creativo aperto a tutta la città, una performance collettiva appositamente ideata da Antonio Marras e dove protagonista sarà il tessuto della tappezzeria del teatro Piccini di Bari avanzato dopo il restauro e nei giorni della sua riapertura alla città.

L’iniziativa “Averti addosso”, curata da Francesco Maggiore, è promossa dall’Assessorato alle Politiche culturali e turistiche del Comune di Bari, in collaborazione con Fondazione Gianfranco Dioguardi, Fondazione Giovanni Paolo II e Spazio Murat.

Dalle10 alle 20 di mercoledì 4 dicembre ogni cittadino potrà portare allo Spazio Murat, in piazza del Ferrarese, un proprio indumento nuovo o dismesso (t-shirt, pantaloni, giacche, sacche, sciarpe, camicie, gonne, etc.) per l’applicazione di scampoli del tessuto della tappezzeria del teatro, la cui composizione verrà seguita e diretta da Antonio Marras e dal suo staff.

La sede scelta per la realizzazione di questo progetto è Spazio Murat, luogo di riferimento per la cultura progettuale, artistica e creativa della città di Bari e più in generale della regione Puglia; uno spazio centrale e strategico per la vita culturale della città e che dunque diviene sede ideale per lo svolgimento di questa inedita giornata di condivisione e di partecipazione che sarà coordinata da Giusy Ottonelli, direttrice di Spazio Murat.

L’indumento, che a seguito dell’applicazione sarà prontamente restituito al proprietario, diverrà dunque supporto su cui cucire frammenti del teatro; l’intervento sarà svolto da sarte che, nell’arco dell’intera giornata, si alterneranno nel rammendare lembi di tessuto attraverso l’impiego di macchine da cucire.

Ad affiancare le sarte ci saranno gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bari, che parallelamente daranno forma ai frammenti di tessuto ritagliando, in tempo reale, sagome dalla pezza di stoffa progressivamente srotolata nello Spazio Murat, allestito per l’occasione da Romano Exhibit.

Questa iniziativa intende dare vita a una serie speciale di indumenti, unici per la città che segneranno e renderanno riconoscibile chi deciderà di “avere addosso” una testimonianza del teatro Piccinni, chi deciderà di sentirsi parte e partecipe di un grande mosaico collettivo la cui composizione coincide con un bellissimo momento di rinascita per l’arte, per la cultura e per lo spettacolo barese e non solo. 

Il primo a porgere un proprio abito sarà il Sindaco Antonio Decaro che sottoporrà una delle proprie abituali camicie bianche agli aghi delle macchine da cucire per poi rindossarla impreziosita dai frammenti rosso porpora del tessuto: un colore che sembra simboleggiare la passione di un’intera città verso il suo più antico teatro che dopo molti anni viene finalmente restituito alla comunità.

Nell’ambito di questo progetto un ruolo determinante è svolto dalla Fondazione Giovanni Paolo II, diretta da Orazio Nobile, un'organizzazione da decenni impegnata in azioni di inclusione sociale a favore delle periferie, che coinvolgerà quindici donne dei quartieri San Paolo, San Girolamo e Japigia che metteranno in campo le competenze sartoriali acquisite all’interno dei Laboratori dei Centri servizi per le Famiglie dell'Assessorato al Welfare del Comune di Bari.

L’iniziativa è promossa e coordinata dalla Fondazione Gianfranco Dioguardi, ente no profit che da sempre rivolge le proprie attività in favore di progetti volti alla promozione e divulgazione del Sapere, con particolare attenzione alla cultura d’impresa e ai temi urbani e sociali. Con la Fondazione Dioguardi, Antonio Marras ha avviato una proficua collaborazione dal 2017 nell’ambito del programma Cantiere-evento, da cui questa iniziativa prende le mosse. 

La documentazione fotografica della giornata sarà a cura degli studenti della scuola di fotografia e cinematografia F.project.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • I Modà in concerto al Palaflorio

    • dal 13 al 14 marzo 2021
    • Palaflorio
  • Visita guidata a Molfetta: la città fatta di miele

    • solo oggi
    • 6 marzo 2021
    • Centro storico
  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • Itinerario 'Bari e il suo sottosuolo'

    • solo domani
    • 7 marzo 2021
    • Piazza Cattedrale, 28
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento