A Bari vecchia arriva B.Art.s., il primo festival degli artisti di strada della città

Venerdì 9 e sabato 10 dicembre Bari vecchia sarà invasa dalla magia di B.Art.S, il primo festival degli artisti di strada della città di Bari che propone 13 compagnie, 25 artisti e circa 60 spettacoli che spaziano dall’acrobatica alla giocoleria, dal cabaret alla musica popolare, dall’equilibrismo alla danza, dalla clowneria ai giochi con il fuoco per incantare adulti e bambini.

Il festival, organizzato dall’associazione culturale Trik e Ballak, che da anni lavora sul territorio progettando e producendo spettacoli ed eventi legati al teatro di strada, è realizzato con il sostegno e contributo dell’assessorato alla Culture del Comune di Bari e di Unicredit.

Alle postazioni ufficiali del festival - 11, distribuite tra gli spazi antistanti la Basilica e la Cattedrale e strada del Carmine - si aggiungono quelle degli artisti off che in questi giorni stanno chiedendo spazi per presentare le proprie produzioni e che, d’accordo con gli organizzatori, si esibiranno in strada Palazzo di Città.

Gli spettacoli si svolgeranno a partire dalle ore 17.30 circa e fino alle 22.00.

Queste le postazioni individuate per le esibizioni degli artisti, rinominate per l’occasione in omaggio alla passione dei baresi per il mare e i suoi prodotti:
 
-          Scuola San Nicola - ‘u luzz
-          Basilica di san Nicola (porta laterale) - ‘u pulp
-          Portico del Pellegrino - ‘l salipc
-          Piazza della Basilica - la rasc
-          Via del Carmine - l’alisc
-          Via del Carmine (angolo vico San Marco) - ‘l taratuff
-          Chiesa de Carmine - ‘l musc
-          Lato Cattedrale San Sabino - ‘l rizz
-          Trulla della Cattedrale san sabino - ‘l cozz
-          Sagrato Cattedrale San Sabino - la pelous
-          Piazza dell’Odegitria - l’alliv
 
Di seguito, in breve, gli artisti e gli spettacoli del festival B.Art.s:
 
Yin&Yang (giocoleria di fuoco): il Fuoco elemento della Natura che incanta l’Uomo sin dalla notte dei tempi, forza purificatrice e sacrale, ma al tempo stesso perniciosa e distruttrice, il Fuoco e il suo eterno dualismo saranno messi in scena dal duo Yin & Yang, in una ‎danza di spade, hula hoop, ventagli e staffe.
 
Mago Vago (micromagia): Lo spettacolo proposto consiste nell’esecuzione di effetti magici da strada di grande impatto visivo utilizzando corde, anelli cinesi, bussolotti, il corpo e altro destinato ad un pubblico di bambini, adulti e ... al bambino che si trova in ogni adulto.
Il coinvolgimento degli spettatori è un fattore essenziale per la buona riuscita dello spettacolo e ciò è reso possibile grazie alla mia grande passione per l’arte di strada e agli elementi comici inseriti durante l’esecuzione dei giochi.
Lo scopo dello spettacolo Magikomio non è di suscitare stupore o meraviglia fini a se stessi, ma di far entrare il pubblico dalla porta principale, nel magico mondo della magia di strada.
 
Soballera (musica popolare): che tradotto dal dialetto ostunese significa sull’aia, è un progetto che nasce dal desiderio di ricreare le atmosfere tipiche della musica tradizionale del Sud Italia usando, come tramite, gli strumenti più caratteristici di questo straordinario linguaggio musicale (la voce, la fisarmonica, la chitarra battente ed il tamburello).
Il gruppo, nato a Bari dalla collaborazione di musicisti pugliesi e campani, è attivo da oltre 10 anni e vanta numerose esibizioni dal vivo in occasione di feste, sagre, festival e manifestazioni di strada.
Lo spettacolo che propongono è un viaggio musicale tra i ritmi, i suoni, le voci e le danze della musica tradizionale meridionale: pizziche, tarantelle, tammurriate, canti rituali e canti d’amore, canti di fatica e canti di passaggio, canti di popoli in partenza e in arrivo ma, soprattutto, balli e ritmi di un popolo in festa.
 
Michele Napoletano e Gacomo Dimase (commedia dell’arte): Pulcinella È canti, cunti e lazzi È fame atavica È vita e morte È amore È servo e padrone È musica e poesia È il re dei matti È il capitano della nave dei folli Una nave senza vela e senza remi Che naviga a vista per attraccare nei porti del teatro Le sue 90 e 9 disgrazie sono la Colentissima Marchesina Clementina De Villa Gomez che vorrebbe nutrirlo a pane e acqua; se stesso quando camminando sovrappensiero perde la testa per la via; la morte che vorrebbe portarlo all’altro mondo senza avere un certificato di morte preciso; Colombina che stregata dalla morte lo vorrebbe morto per tenerlo sempre con se.
 
Duo Mamè (acrobatica): Lo spettacolo presenta un susseguirsi di scene di vita quotidiana: Un letto, dei cuscini, una coperta, un tavolino per il caffè diventano luogo dove l’abitudinario diviene straordinario. All’interno di esse si inseriscono i due protagonisti e le loro spiccate personalità. Infatti lei è gioiosa e passerebbe ogni secondo del suo tempo a giocare, perché no anche a stuzzicare chi le capita attorno, mentre lui preferirebbe stare tranquillo magari passando le ore a sonnecchiare. Il contrasto tra i due personaggi troverà alla fine una soluzione del tutto inaspettata. Una storia per scoprire il mondo delle piccole cose, dei piccoli gesti e dei rapporti con le persone che ci stanno vicine. In una realtà come la nostra ricca di tecnologia, strumenti, televisori ritrovare un momento per riscoprire la forza della fantasia.Il tutto verrà portato in scena grazie a clownerie,mano a mano, ruota Cyr,verticali e musica dal vivo. La particolarità di questo spettacolo è la totale assenza della parola. Ogni frammento della storia verrà raccontato grazie all’uso della corporeità, degli oggetti di scena, della mimica e dei suoni.
 
Olga Mascolo (statua vivente): Come fiocchi di neve che si muovono nel cielo delicati, irruenti, leggiadri e soffici il nostro batuffolo di neve prenderà ad animarsi in differenti forme e atmosfere a seconda della musica che suona nell’aria. 
 
Giuseppe De Marzo (trampoliere): Il Fauno, una figura inusuale e fantastica per metà uomo e per metà animale che rapisce a prima vista i passanti con il suo aspetto fiabesco e dai riferimenti mitologici. Itinerante intrattenitore, crea stupore e interesse già a prima vista.
 
Luca Casto (fachiro): un principe indiano che viaggia per il mondo mostrando alla gente i tesori della sua terra. Uno spettacolo di fachirismo vero e proprio: dalle forti emozioni e contemporaneamente, morbido e delicato .
 
Il grande Lebusky (giocoleria): Spettacolo comico di teatro di strada con 5 anni di esperienza alle spalle nelle maggiori piazze italiane. Il Grande Lebuski, personaggio eccentrico e stravagante, con le sue abilità clownesche, mescolate a tecniche circensi (giocoleria, equilibrismo, acrobatica) e al cabaret, cattura costantemente il pubblico facendolo entrare nel suo mondo bizzarro. Un cerchio di gente in cui la risata diventa presto contagiosa grazie ad un susseguirsi di gags e difficoltà. La ricerca dell’equilibrio è la costante di tutto lo spettacolo, dalle verticali sopra alti bauli, al monociclo, alla giraffa alta 2 metri; ma la vera protagonista dello spettacolo è Graziellina, una minibici alta 30 cm, con la quale affronterà le salite più impervie. Equilibri su alti equilibri lasciano il pubblico affascinato nel vedere Il Grande Lebuski giocolare con clave e torce sulla giraffa tenendo un oggetto in equilibrio sul naso.Un’elevata e coinvolgente comicità che, parodiando l’uomo ed i suoi comportamenti, ci mostra la verità e l’aspetto clownesco che c’è in ognuno di noi.
 
Ilaria Fonte (acrobatica aerea): Profumi, trucchi, vestiti... Tutto quello di cui una donna non può fare a meno... 
La bellezza esteriore... La perfezione dell’aspetto fisico...
In una società fatta solo di apparenze... IlAria con la sua stravaganza vi porterà con lei, nel suo controverso mondo, tra un’acrobazia ed un’altra, con ventagli piumati e dell’inaspettato...Uno spettacolo delirante che unisce la tecnica della giocoleria a quella del twirling, mescolandole al teatro di strada e che lascerà il pubblico con il fiato sospeso durante i numeri di acrobatica aerea trapezio statico e tessuto aereo
 
Niky Giancaspro e Gianni Sforza (trampoli): uno spettacolo creato appositamente per il festival. Una performance di danza su trampoli che trae la propria ispirazione dalle suggestioni, dai suoni, dalla forza e dalla delicatezza del mare.
Duo Simuèl (giocoleria ed equilibrismo): un circo pane e pomodoro, nato dall’incontro di due amici Emanuele Lacerenza in arte Manu Circus e Simone Tuosto in arte Mone Monè che dà vita al Duo Simuel. Numeri di circo classico, incalzanti ritmiche musicali, coloratissime gags, divertiranno il pubblico per tutto lo spettacolo. Uno show spensierato, adatto a tutti, il cui unico intento è affascinare i più piccoli e divertire i più grandi cercando di far dimenticare le preoccupazioni di tutti i giorni anche solo per un momento, per il tempo di una risata o di un appaluso. 
Quindi che dire: venghino si’ori venghino
 
Nicola Travaglio (clown): proporrà uno spettacolo "sempre a ridere": un esilarante, scoppiettante viaggio nel mondo del circo.. Tutto il pubblico (adulti e bambini) sarà protagonista delle varie e colorate gags di Clownerie, magia comica e rianimazione.
 
Per ulteriori informazioni www.facebook.com/BArtsofficial

 
N.B. In caso di condizioni meteorologiche avverse tutti gli spettacoli si svolgeranno al piano terra dell’ex Mercato del Pesce, in piazza del Ferrarese.

unnamed (44)-4

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Giornata delle Malattie Rare, a Bari la torre della Città metropolitana e la fontana in piazza Moro illuminate di verde

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Torre dell’orologio del Palazzo

I più visti

  • Itinerario 'Bari sotto la città'

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Centro storico
  • Itinerario 'Bari e il suo sottosuolo'

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Piazza Cattedrale, 28
  • Conversano: tra archi e torri

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Centro Storico
  • I Modà in concerto al Palaflorio

    • dal 13 al 14 marzo 2021
    • Palaflorio
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento