Si chiamerà 'Benedetto Petrone', l'aula del Centro Polifunzionale Studenti dedicata al militante antifascista ucciso 42 anni fa

“L’intitolazione ad un’aula così frequentata in un plesso storico della città di Bari è un piccolo ma forte segnale per ricordare Benedetto e rendere attuale il suo pensiero”

Benedetto Petrone e la targa

"Nell’ultima seduta del Senato Accademico abbiamo richiesto l’intitolazione di un’aula del Centro Polifunzionale Studenti a Benedetto Petrone, giovane militante antifascista ucciso il 28 Novembre 1977 da fascisti del MSI" commenta Alessandro Digregorio - senatore di Link Bari - e ieri, 25 novembre è arrivata l’ufficialità: l’amministrazione ha scelto di intitolare la sala studio del Centro Polifunzionale Studenti alla sua memoria il giorno 28 novembre alle 12.30 alla Sala Studio del Palazzo Ex Poste!”.

“La memoria storica, fondata su figure come quella di Benedetto Petrone, ha necessità di diventare strumento di analisi del presente affinché il ricordo viva all’interno e all’esterno dei luoghi della formazione come emblema di un processo di emancipazione che parte dal basso. Infatti, oggigiorno, essere antifascisti significa combattere contro lo smantellamento dell’assetto di diritti e tutele dei lavoratori; non consentire ad alcuno di propagandare odio verso chi è diverso per colore della pelle, religione, orientamento di genere o sessuale ripudiando ogni forma di razzismo e discriminazione. Crediamo che la sua lotta contro ogni forma di sfruttamento e le sue aspettative di riscatto devono vivere nelle lotte delle odierne geenrazioni e di quelle future  continua, concludendo, Savino Ingannamorte- coordinatore di Link Bari”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’intitolazione ad un’aula così frequentata in un plesso storico della città di Bari è un piccolo ma forte segnale per ricordare Benedetto e rendere attuale il suo pensiero” conclude Carolina Velati di zona franka. “La giornata del 28 novembre inizierà con una commemorazione laddove morì Benedetto, e si concluderà proprio al palazzo delle poste, per sottolineare il forte rapporto che c’è tra la memoria del passato e l’impegno antifascista nel presente, a partire da quelli che sono i luoghi della formazione”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento