Un viaggio nell’arte contemporanea nelle chiese del borgo antico e nel murattiano con "Bibart"

Un viaggio nell’arte contemporanea, passando per le chiese del borgo antico e il Murattiano: sarà questo il cuore di BIBART, prima Biennale Internazionale d’Arte di Bari e Area Metropolitana, che si inaugura a Bari il 15 dicembre alle ore 18.00 presso l’Auditorium Vallisa. Per il capoluogo pugliese sarà la prima occasione per raccontare l’arte contemporanea attraverso un confronto a più voci, l’intreccio di linguaggi artistici diversi, la multiculturalità e il dialogo tra artisti di varie parti del mondo.

Organizzata dalle storiche associazioni Vallisa Cultura onlus e Federico II Eventi, l’iniziativa si propone di  aprire le porte di chiese spesso chiuse, per accogliere i visitatori, curiosi di esplorare le infinite possibilità della “Ragione dell’Uomo” , tema scelto per questa prima edizione.

Questi i numeri della rassegna:  112 artisti in concorso, oltre a musicisti, performer, attori, provenienti da 9 Paesi (Italia, Argentina, Armenia, Brasile, Croazia, Francia, Grecia, Iraq, Uruguay) per un totale di 156 artisti; 328 opere esposte tra pittura, scultura, grafica, video art e lavori fuori concorso; 10 sedi espositive, tra cui 6 chiese, ubicate nel centro storico di Bari e nel Murattiano. Completano la prima Biennale Internazionale d’Arte di Bari e Area Metropolitana due mostre d’eccezione: Dal  Postimpressionismo al Neorealismo: viaggio tra le avanguardie del Novecento, con opere di 48 grandi maestri da e la monografica Les danseuses di William Tode, ultimo esponente del neorealismo italiano.

Nella cornice della Biennale anche la personale di Miguel Gomez sul tema Mater et Filius, un’originale mostra di design sulla poesia della luce e la mostra documentaria dedicata ai 90 anni dell’Accademia Polifonica Barese e al suo fondatore, Biagio Grimaldi.

L’arte si farà anche spettacolo, cinema, teatro, letteratura e musica con oltre 20 appuntamenti in calendario: presentazioni di libri, concerti, proiezioni di film, spettacoli teatrali e performing art, tutti ospitati tra l’Auditorio Vallisa e l’Auditorio Federico II Eventi.

L’iniziativa gode del patrocinio di Arcidiocesi di Bari – Bitonto, Regione Puglia, Comune di Bari, Università degli Studi di Bari, Consolato della Repubblica di Croazia, Consolato della Repubblica del Brasile.

Chiese aperte nella città vecchia per ospitare l’arte dal 15 dicembre al 15 gennaio.
Inaugurazione nell’Auditorium Vallisa il 15 dicembre alle ore 18.00.

APERTURE STAORDINARIE – BIBART terrà aperta in forma straordinaria la mostra «Dal  Postimpressionismo al Neorealismo: viaggio tra le avanguardie del Novecento», al Museo Diocesano di Bari, dedicata a 48 Grandi Maestri, da Cezanne a Renoir, Picasso, Balla, Mirò, Rosai, Boccioni, Archypenko, per citarne solo alcuni. Le opere esposte fanno parte della collezione privata di William Tode, ultimo esponente del neorealismo italiano.
ORARI MUSEO DIOCESANO – Mostra Grandi Maestri
25/12 ore 10-13 / 18-21
26/12 ore 10-13
31/12 ore 10-13
01/01 ore 10-13 / 18-21

 
Orari di apertura ed informazioni dettagliate su mostre ed eventi su:  www.bibartbiennale.com
Segreteria organizzativa: Via Vallisa 11 - 70122 Bari - Tel. 080/5216276 info@bibartbiennale.com

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Giornata delle Malattie Rare, a Bari la torre della Città metropolitana e la fontana in piazza Moro illuminate di verde

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Torre dell’orologio del Palazzo

I più visti

  • Itinerario 'Bari sotto la città'

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Centro storico
  • Itinerario 'Bari e il suo sottosuolo'

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Piazza Cattedrale, 28
  • Conversano: tra archi e torri

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Centro Storico
  • I Modà in concerto al Palaflorio

    • dal 13 al 14 marzo 2021
    • Palaflorio
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento