“Bona sforza, donna del rinascimento. Storia di una duchessa che si fe’ regina”




Lo Spettacolo proposto, è una produzione originale organizzato dal Centro Studi Mousiké, in cui si ricostruiscono la personalità e le vicende di Bona Sforza. Attingendo a fonti storiche e storiografiche, la pièce teatrale in atto unico racconta in modo accurato, talvolta ironico ma sempre realistico, nello stile tipico del teatro di narrazione, l’infanzia, la giovinezza a Bari, gli anni di reggenza in Polonia, di Bona Sforza. L’intento è di ridare luce all’intero percorso di vita di una donna fuori dal comune, libera, emancipata, di grande cultura, capace di praticare il gioco della politica e della diplomazia, conscia del suo potere e della forza del suo intelletto.
La produzione è frutto delle ricerche effettuate da Patrizia Gesuita e Debora Del Giudice. Scritto, diretto e interpretato da Vito Lopriore, attivo in ambito cinematografico, televisivo, teatrale e musicale in Italia e all'estero e approdato all’esperienza della scrittura, lo spettacolo gode dell’efficace ambientazione sonora e plastica di musiche e danze del Rinascimento italiano ed europeo realizzate dai musicisti e danzatori dell’ensemble La Chirintana, diretta da Marcella Taurino, primo ensemble in Puglia ad occuparsi della ricerca e divulgazione della cultura coreutica del Medioevo e del Rinascimento curando da tempo, nel dettaglio storico e filologico, pregevoli realizzazioni artistiche.
Le trascrizioni delle musiche dai manoscritti originali e l’orchestrazione ad opera dei musicisti: Gianluigi Bello, Angelo De Leonardis e Debora Del Giudice.
L’ensemble porta sul palco ben 15 artisti: il già citato Vito Lopriore, nelle vesti di regista ed attore, oltre che di drammaturgo; Marcella Taurino, Patrizia Gesuita, Angela Maiorano, Santa Ardito e la piccola Sara Patruno, danzatrici; Titti Dell’Orco, Pierluigi Abbate, Ermanno Abbate, flauti; Gianluigi Bello, liuto; Chiara Armenise, viola da gamba; Claudia Di Lorenzo, spinetta; Francesco Patruno, Ermanno Abbate, percussioni. Invitato come voce solista, Angelo De Leonardis, cantante con un solido curriculum anche nell’ambito molto specialistico della vocalità antica, il quale eseguirà musiche di rarissima esecuzione e ascolto, tra le quali, alcune appositamente ricercate e trascritte da codici manoscritti conservati in Polonia.
Comunicazione e Stampa a cura di Gianni Pantaleo.
In scena insieme ai costumi delle danzatrici del grande Luigi Spezzacatene, anche quelli della piccola Bona e dei musicisti, creati dalle docenti Roberta Marchese e Mariagrazia Mazzotta e realizzati dalla 5A “Produzioni tessili sartoriali” dell’Istituto “De Lilla” di Conversano, durante il percorso triennale di Alternanza Scuola Lavoro.
Lo spettacolo si svolgerà domenica 23 giugno 2019 presso il Castello Marchione a Conversano alle h. 20:30. Porta h. 20:00
Info&Prenotazioni 338 8431292

Appuntamento con la regina Bona Sforza il 23 giugno 2019
al Castello Marchione, Conversano.
“BONA SFORZA, Donna del Rinascimento. Storia di una Duchessa che si fe’ Regina”

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • “Su…il sipario”, sei appuntamenti in diretta streaming dal Nuovo Teatro Abeliano

    • dal 1 al 6 marzo 2021
    • in diretta streaming
  • Indovina chi viene a (s)cena dal Teatro Odeion di Giovinazzo

    • 6 marzo 2021
    • Teatro Odeion
  • "Ludus" in scena a domicilio per "Pietanze d'Arte a Domicilio"

    • 5 marzo 2021

I più visti

  • I Modà in concerto al Palaflorio

    • dal 13 al 14 marzo 2021
    • Palaflorio
  • Visita guidata a Molfetta: la città fatta di miele

    • solo oggi
    • 6 marzo 2021
    • Centro storico
  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • Itinerario 'Bari e il suo sottosuolo'

    • solo domani
    • 7 marzo 2021
    • Piazza Cattedrale, 28
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento