Cinema

Bif&st senza Celentano, l'artista rinuncia al premio Fellini: "Turbato dalla vicenda Bridgestone"

La decisione comunicata ieri agli organizzatori da Claudia Mori. L'artista rinuncia a festeggiare la sua carriera per rispetto nei confronti degli operai che rischiano il licenziamento

Adriano Celentano non ci sarà. L'artista più atteso dell'edizione 2013 del Bif&st ha deciso di rinunciare alla sua partecipazione al Festival del cinema di Bari. La decisione, comunicata ieri sera dalla moglie Claudia Mori a Ettore Scola e Felice Laudadio (rispettivamente presidente e direttore del Bif&st), è legata alla volontà di solidarizzare con i lavoratori della Bridgestone che rischiano di perdere il posto di lavoro, un avvenimento che ha "turbato" profondamente l'artista.

"Cari Ettore e Felice, - si legge nel messaggio inviato da Mori agli organizzatori, di cui è stata chiesta la diffusione - la bruttissima vicenda dei 950 licenziati Bridgestone di Bari turba profondamente Adriano e non lo mette nelle condizioni di spirito giuste per partecipare alla manifestazione organizzata in suo onore per ricevere il prestigioso Premio Fellini. La situazione mette centinaia di famiglie in difficoltà e questo si verifica proprio nella città in cui Adriano dovrebbe presentarsi per ritirare il premio e festeggiare la sua carriera. Per quanto Adriano è da sempre orientato alla difesa del sociale, questo è impossibile. Si tratta di un fatto imprevedibile quanto inaccettabile per lui. La sua presenza purtroppo non può portare alcun genere di solidarietà ai lavoratori che sono impegnati nella difesa del loro posto di lavoro o dare al problema un’evidenza che lo stesso già possiede. La sua soluzione, invece, dipende da scelte e dinamiche nelle quali Adriano non può  intervenire. Per queste ragioni Adriano chiede di sospendere l’evento, la consegna dell’importante Premio Fellini, proprio per avere modo di parteciparvi, come previsto, ma in un momento storico nel quale si spera ci sarà veramente da festeggiare anche con tutta la cittadinanza barese. Auspico veramente che possiate comprendere e condividere che non sempre lo”show must go on”. Con amicizia. Claudia"

Gli organizzatori auspicano invece un ripensamento dell'artista, affinché, spiegano Scola e Laudadio in una nota, Celentano possa "portare in prima persona la propria solidarietà ai lavoratori della fabbrica minacciati di licenziamento".

Intanto una delegazione di operai della Bridgestone sarà presente alla serata inaugurale del Festival, nel corso della quale Ettore Scola dedicherà il Premio Fellini ai lavoratori in lotta dello stabilimento barese e condividerà insieme a tutti quelli che vorranno aderirvi l’appello a boicottare i prodotti del colosso giapponese, anche indossando la spilletta “Boycott Bridgestone” che verrà consegnata a tutti gli spettatori del festival.

Nella serata del 20 marzo in cui era prevista la presenza di Celentano, il Premio Fellini per l'eccellenza artistica sarà invece consegnato all'attrice Barbara Sukowa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bif&st senza Celentano, l'artista rinuncia al premio Fellini: "Turbato dalla vicenda Bridgestone"

BariToday è in caricamento