menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il match giusto per artisti e location: nasce Artastic.it

La soluzione alla crisi degli spettacoli dal vivo in Italia arriva dalla Puglia. L’idea di tre giovani professionisti: una Community per Artisti e Spazi performativi

Il mondo dell’arte vive tempi strani. In Puglia come nel resto d’Italia. Gli ultimi dati relativi allo stato di salute di musica, teatro e, più in generale, delle performance live sono quelli relativi al 2016, forniti dalla SIAE. 

Numeri che testimoniano un affanno evidente. Ma se le altre attività economiche devono fare i conti con una domanda in riduzione, quello delle arti può contare su una curiosità da parte del pubblico verso le novità in costante aumento.  In questo senso bisogna leggere, ad esempio, la classifica nazionale sugli incassi del settore teatrale che vede la Puglia al secondo posto con 79,4 milioni di euro.

“Sappiamo quanto sia importante il primo contatto tra Artista e Spazio Performativo, quel momento in cui si decide se l’esibizione ci sarà oppure no. Una fase delicata dell’organizzazione di uno spettacolo, oggi affrontata spesso con ricerche fai-da-te che non sempre portano ai risultati sperati.  Il problema è sentito molto dalle produzioni artistiche e dagli host indipendenti. Realtà, tra cui inseriamo anche le piccole Amministrazioni Pubbliche locali, che possono contare su molte idee ma risorse ridotte”. 

La chiave è proprio il pubblico da raggiungere con strumenti nuovi e capaci di parlare i tanti linguaggi che lo popolano. 

Ma allora, se i numeri sugli incassi segnano un dato positivo, cosa manca ai territori pugliesi per mettere a sistema la ricca offerta culturale che offrono? Sicuramente manca una mappatura degli avamposti in cui l’arte, in tutte le sue forme, si esprime. Manca una guida ragionata ai palchi che costellano questa regione ricca di voglia di fare e fruire intrattenimento di qualità e di contenuto. Così come manca un luogo in cui le proposte artistiche che popolano il mondo delle produzioni indipendenti possano raccontarsi e promuoversi. 

La rete di operatori in Puglia già esiste. Direttori artistici e gestori di spazi lavorano quotidianamente per tenere viva la fiamma e per portare sui propri palchi i migliori musicisti, ballerini, attori, artisti visivi e performer. Pugliesi e non.  Quello di cui sia host che artisti hanno bisogno è di ritrovarsi in un network, aperto e condiviso dove confrontarsi e trovare il giusto accordo. Una community dove trovare esattamente quello che si cerca, riducendo al minimo le perdite di tempo. 

Un’esigenza che riguarda soprattutto le piccole realtà indipendenti che non hanno la possibilità di destinare risorse esclusivamente alla pianificazione di cartelloni artistici. Quelle realtà che sono abituate a fare tutto da sé. Nel migliore dei modi. 

Uno strumento cucito sulle esigenze degli host e degli artisti (e di coloro che li rappresentano) è appena nato proprio in Puglia. Si chiama ARTASTIC ed è una piattaforma web che permette di raggiungere il match giusto per l’organizzazione di concerti e performance live. 

ARTASTIC nasce con la vittoria del bando PIN - Pugliesi Innovativi della regione Puglia dall’idea di tre giovani foggiani: Ida Treggiari (regista teatrale), Mario Scrima (CEO, digital specialist) e Gabriele Rosini (event manager). 
“L’idea - spiega Ida - ci è venuta ragionando sugli strumenti che mancano al mondo delle produzioni artistiche e a quello degli spazi performativi. Partendo dalle nostre rispettive esperienze e formazioni professionali, abbiamo cercato di dare vita ad uno strumento che potesse aiutare gli attori del nostro settore”.  “Da questa riflessione - aggiunge Mario - ne è nata una piattaforma che risponde alla principale esigenza di produzioni artistiche e spazi performativi: incontrare le persone giuste in un mare di offerte”.  “Artastic permette il match tra le due parti, la scintilla che tiene vivo lo spettacolo. E lo vogliamo fare sui palchi pugliesi, contribuendo a far crescere la proposta culturale del territorio”, conclude Gabriele. 

Pugliesi sono i tre ideatori della piattaforma e pugliese è il bando Pin che hanno vinto.  “Con un’indagine di mercato svolta prima della candidatura al bando della Regione Puglia, abbiamo capito che il problema della messa in rete di domanda e offerta delle proposte artistiche live è sentito in tutta Italia e non solo - commenta Ida -. Il nostro obiettivo è parlare all’intero territorio nazionale. Ma per farlo vogliamo partire prima dalla nostra terra, usando la Puglia come test di un progetto di ampio respiro”.

I servizi offerti dalla piattaforma sono molti e permettono un sistema di ricerca ricco di filtri per non perdersi nella ricca mappa di artisti e spazi consultabile grazie al sistema di geolocalizzazione. Dalla media del cachet alla strumentazione tecnica, fino ad arrivare alla durata dello spettacolo e alla tipologia di ospitalità a disposizione o richiesta.

L’iscrizione è gratuita e dà spazio a più progetti e palchi, quanti sono quelli che l’utente vuole proporre alla propria rete. Gli strumenti di prenotazione e di match sono accessibili tramite il pagamento di una fee periodica tramite gli ARC, la moneta digitale in cui viene convertito il denaro, oppure sottoscrivendo un abbonamento che rende sbloccabili tutte le funzioni.

L’idea alla base della community di ARTASTIC parte da uno studio dell’evoluzione in corso degli spazi in cui l’arte si esprime. Un report svolto sul periodo 2014-2015 che ha preso in esame circa 200 live club in tutta Italia, rivela che sono sempre più numerosi quelli che puntano alla diversificazione delle proprie proposte in cartellone. 
Il futuro sembra essere quello di spazi non più settoriali, dedicati esclusivamente alla musica o a pièce teatrali. La strada è quella di una commistione - un match, appunto - tra le discipline artistiche, un ritorno alle origini del teatro di varietà, oggi attualissimo come risposta alla moderna e molto complessa domanda culturale. 

È a queste realtà che ARTASTIC parla candidandosi a nuovo luogo in cui l’espressione artistica trova nuovo respiro e risorse. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento