menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una corona d'alloro per onorare la memoria di Giuseppe Zannini, vittima barese dell'Olocausto

La cerimonia si è tenuta questa mattina in piazza Garibaldi, di fianco alla targa che ricorda il partigiano, tra i fondatori della Dc. L'evento è stato organizzato da Anpi in collaborazione con il Comune

Una corona d'alloro posta a ridosso della targa dedicata a Giuseppe Zannini, antifascista e deportato barese. Con una cerimonia pubblica in piazza Garibaldi, sotto il porticato della chiesa di Maria Santissima del Rosario, si chiude la seconda delle celebrazioni organizzate dall'Anpi a Bari in occasione del Giorno della memoria. A tramandare l'esempio di Zannini - tra i fondatori della Dc, partigiano morto nel campo di concentramento di Mauthasen  - è stato il vice sindaco del Comune di Bari, Eugenio Di Sciascio, e dal presidente di Anpi Bari, Ferdinando Pappalardo. Presenti anche gli studenti delle associazioni Link e Rete della Conoscenza. Un luogo non casuale: la chiesa era un tempo sede della Federazione universitaria cattolica, frequentata anche da un amico di Zannini, Aldo Moro.

In mattinata una seconda corona d'alloro era stata posta nella sala consiliare di Palazzo di Città, al fianco della targa che ricorda l’antifascista e deportato Filippo D’Agostino, che ha visto anch'essa l’intervento di Di Sciascio e Pappalardo. Sabato scorso, invece, si è tenuto un concerto in memoria della vittime dell'Olocausto al Teatro Piccinni - andato subito sold out - promosso dal Comune di Bari in collaborazione con la Città metropolitana, con la partecipazione straordinaria di Katia Ricciarelli.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento