Cultura

Sette appuntamenti al Galleria, torna 'Cinema senza barriere'

Presentata a Palazzo di Città la settima edizione del progetto rivolto a persone con disabilità sensoriali. Ad aprire il calendario 2016, lunedì 18 aprile, la proiezione “Life” di Anton Corbijn

"Il cinema che unisce", che abbatte le 'barriere' per consentire anche a chi è affetto da disabilità sensoriali di poter fruire un film in compagnia. E' questo l'intento di 'Cinema senza barriere', il progetto promosso dall’assessorato al Welfare e ideato dall’associazione Aiace di Milano, giunto quest'anno alla sua settima edizione. Sette gli appuntamenti in programma da aprile a dicembre, sempre presso il Multicinema Galleria. Si comincia lunedì 18 aprile, alle ore 18.00, con “Life” di Anton Corbijn.

La nuova edizione del progetto, che come sempre si avvale della collaborazione di UICI (Unione italiana ciechi ed ipovedenti) ed ENS (Ente nazionale sordi) e della disponibilità dell’esercente del Multicinema Galleria, è resa possibile dal sostegno di UniCredit, banca tesoriera del Comune, ed è stata presentata questa mattina a Palazzo di Città.

“Cinema senza barriere, il Cinema che unisce è un progetto di grande valenza sociale cui siamo particolarmente legati - afferma l’assessora al Welfare Francesca Bottalico -, perché ci ricorda come la poesia e la bellezza del grande schermo possano aiutarci a superare confini mentali e difficoltà fisiche, creando un’occasione per superare pregiudizi e distanze sociali. Per questo, nonostante le forti ristrettezze economiche che il welfare sta attraversando, continuiamo a crederci e a investire le nostre energie affinché vengano potenziati tutti i progetti che favoriscono le pari opportunità per tutti e tutte, anche in termini di fruizione della cultura e dell’arte. Ringrazio ancora una volta Unicredit che, credendo in questo progetto, ha confermato il proprio sostegno, e il Galleria per la grande disponibilità mostrata e per aver condiviso con noi l’idea che il welfare debba essere promozione del benessere e del senso di comunità”.

 “La nuova edizione di Cinema senza barriere di cui UniCredit è partner - afferma Antonio Riccio, referente Stakeholders per la Puglia di UniCredit - sancisce la prosecuzione di una proficua collaborazione con il Comune di Bari per supportare progetti di grande utilità sociale per la comunità locale. Grazie a questa sinergia, in questi mesi abbiamo già individuato alcune tra le tematiche sociali più urgenti e selezionato i progetti più innovativi cui destinare i fondi, tra cui quello presentato oggi che permette di offrire anche alle persone non vedenti e non udenti il piacere del cinema in compagnia. Per UniCredit si tratta di una conferma dell’attenzione che la banca riserva alle esigenze delle fasce più bisognose della popolazione e testimonia la volontà di UniCredit di rafforzare il legame con la città di Bari, non solo dal punto di vista economico e finanziario, ma anche sociale”.

“Per noi è un onore ospitare questo progetto, che dimostra la sensibilità e l’attenzione che il Comune di Bari riserva ad un fascia di utenza generalmente trascurata - commenta Francesco Santalucia, esercente del Multicinema Galleria -. Cinema senza barriere è nato sette anni fa, e anche quest’anno si conferma come un appuntamento aperto a tutti grazie all’entusiasmo dell’assessorato al Welfare. Dal canto nostro continueremo ad ospitare questa rassegna, orgogliosi di poter dare il nostro contributo ad un progetto culturale che unisce e non discrimina”.

“Siamo davvero molto lieti che Cinema senza Barriere possa continuare anche quest’anno a Bari che, ancora una volta, si conferma come una città all’avanguardia, unica in tutta l’Italia a sud di Roma a offrire organicamente questo servizio agli utenti disabili della vista e dell’udito - commenta il presidente di Aiace Milano Romano Fattorossi -. Mi preme sottolineare che, dopo la sperimentazione dello scorso anno, viene confermato un ulteriore servizio di integrazione che favorisce la partecipazione di persone, in particolare minori, in condizioni di disagio sociale ed economico. E questo, va detto, avviene solo a Bari; non a Roma e neppure a Milano, le altre piazze dove è stabilmente attivo il nostro progetto”.

COME FUNZIONA - Per conoscere i titoli e le date della rassegna www.cinemasenzabarriere.it. Il costo del biglietto è di 3 euro, ed è previsto l’ingresso gratuito per un accompagnatore dei diversamente abili. I non vedenti ricevono una cuffia a raggi infrarossi che diffonde un commento audio, con dati aggiuntivi rispetto ai dialoghi del film. Vengono descritti, ad esempio, stati d’animo, azioni, modalità di ripresa, paesaggi. I non udenti leggono i sottotitoli contenenti le didascalie con indicazioni relative a rumori e suoni, oltre che alla colonna sonora. Prenotazioni: I non vedenti possono prenotare le cuffie a raggi infrarossi telefonando ai numeri 080/542 9082 - 080 /5429058 (lunedì/venerdì) o inviando un’email a uicba@uiciechi.it. Le cuffie potranno essere ritirate prima dell’ingresso in sala esibendo un documento d’identità.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sette appuntamenti al Galleria, torna 'Cinema senza barriere'

BariToday è in caricamento